“Men-Ups!”, le pin-up diventano ironici gay per Rion Sabean

di

Ecco il "culendario" con ragazzi gay in pose languide anziché procaci pin-up. Lo ha realizzato Rion Sabean, artista ventiseienne di Tampa, Florida, che ci racconta come nascono le...

1282 0

Con la stessa ironia che mette nelle sue opere, potremmo definire Men-Ups! dei frizzanti "culendari" dove al posto di procaci pin-up occhieggianti quali Rita Hayworth o Bettie Page ci sono sardonici gay in pose languide ed effemminate che rinventano in chiave queer mestieri iconicamente virili come il meccanico o il taglialegna. Lui è Rion Sabean, ventiseienne di Tampa, Florida, artista emergente con all’attivo qualche collaborazione con la rivista fashion Beauté. La sua opera dalle suggestioni vintage-pop frulla in modo creativo Pierre et Gilles con Alberto Vargas e, con spirito autenticamente artigianale, lui stesso cura produzione e distribuzione dei "Men-Ups!", disponibili a richiesta sul suo sito. Lo abbiamo intervistato.

Come hai avuto l’idea di una versione ironica e queer delle pin-ups?

Volevo fare qualcosa che fosse accessibile ma nello stesso tempo ingegnoso. Le pin-ups mi sono venute in mente perché all’interno della società sono rappresentate come esseri femminini solitari, così mi sono reso conto che venivano incontro alla mia idea di realizzarle in serie.

Quanto ti ha influenzato il lavoro di Alberto Vargas, massimo disegnatore di pin-up, nel creare "Men-Ups!"?

Vargas è stato un modello diretto di ispirazione per il progetto. Molte pose utilizzate nelle mie serie sono state prese pari pari dai disegni realizzati da questo artista.

Come hai scelto i modelli che hanno posato per "Men-Ups!"?

Ho impostato una sorta di schema per ogni mese, quindi ho pensato a uomini che conoscevo che potessero andare bene per il personaggio disegnato da me.

Come mai appari anche tu tra i soggetti?

Volevo far parte del progetto perché ritenevo importante non solo mostrare il mio coinvolgimento dietro al processo creativo ma anche esprimere direttamente divertimento e libertà.

È possibile ordinare i calendari online, vero?

Sì, i calendari adesso sono pronti. La stampa è stata completata e sto lavorando per metterli in vendita. È un processo lento perché sto facendo tutto da solo ma sto ancora prendendo le ordinazioni.

Parlami delle altre tue creazioni. Come definiresti il tuo lavoro?

Nel mio lavoro oscillo tra rappresentazioni di aspetti emozionali della mia persona e commenti sociologici. "Men-Ups!" appartiene alla seconda categoria. Gran parte del mio lavoro recente riguarda le emozioni ed è un tema che mi ha molto coinvolto. Ho persino creato una serie di personaggi con una loro personale "mitologia". Le loro storie possono essere trovate a questo link.

Sei mai stato in Italia?

Sono stato una volta a Roma. Stavo trascorrendo un mese in Germania e con i miei amici ho deciso di farvi un rapido viaggio. Ho amato ogni momento del mio soggiorno e avrei voluto fermarmi di più. Bernini è uno dei miei artisti preferiti, così ero molto felice di poter ammirare i suoi lavori di persona. Ma devo dire che mi mancano anche le vostre caffetterie e il vostro caffè.

Progetti in vista?

Le mie prossime serie saranno nuovamente di argomento "sociologico". Seguiranno le stesse linee sull’identità di genere e cultura popolare, nonché i modi in cui i sessi sono rappresentati.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...