OGNUNO DI NOI È GOGGI DENTRO

di

E' in scena a Roma (e presto sarà a Milano) il "Maledetta Primavera Show". Spassosa e sfavillante presa in giro del mondo del pop, e dell'adorazione gay per...

1077 0

ROMA – E’ come se ci si ritrovasse d’improvviso catapultati nei “favolosi anni Ottanta”: l’argento del sipario, il bianco preponderante della scenografia, lo scintillio dei meravigliosi costumi, coreografie perfette tipiche di venti anni fa… E poi, le canzoni di Loretta Goggi!

E’ una sensazione di genio, divertimento, bella vita attraversata da una venatura di narcisismo quella che si prova nell’assistere allo spettacolo “Maledetta Primavera Show” al Teatro Colosseo di Roma fino al 18 aprile (e che poi sarà a Milano, Teatro delle Erbe, dal 20 al 25 aprile).

Lo spettacolo – scritto da Diego Longobardi e Massimiliano Palmese, per la regia di Fabrizio Angelini e sponsorizzato da Muccassassina – racconta la vera storia degli altri quattro fratelli Goggi, abbandonati in fasce a New York davanti al Radio City Music Hall, avvolti in una bandiera italiana e con un 45 giri di Loretta nella culla.

I quattro orfani sono: Alexia Goggi (interpretata da Alberta Izzo, in foto), sempre in cura psichiatrica e sotto psicofarmaci, Breeze Goggi (Chiara Francini), tutta curve e alcol, Jack Goggi (Gianni Testa, foto in fondo), pupillo della mafia americana, e Loretto Goggi (Marco Mancini), gay e “probabilmente allergico al cloro perché quando va in piscina trema tutto anche se contornato da tantissimi ragazzi in costume da bagno…”

I quattro Goggi sono convinti di avere ereditato da Loretta tutto il loro talento artistico e, con tenacia, arroganza e un po’ di cinismo riescono a risalire dai bassifondi di New York fino ai fasti del successo. Le quattro star hanno un loro show niente di meno che a Las Vegas. Ma la cosa importante è che sono arrivati in Italia per esibirsi in un teatro costruito apposta per loro!

E’ stato Mr Felicità (Diego Longobardi, foto), vj di Mmmtivvù, ad invitarli. E sarà egli stesso a raccontarci come questi quattro trovatelli siano potuti diventare delle star. Ci sarà, dunque, il concerto degli “altri quattro fratelli Goggi” (che cantano circa venti canzoni del repertorio di Loretta) e una serie di scottanti interviste che ce li farà conoscere più da vicino.

“Ognuno di noi è Goggi dentro!”, esclama Loretto, sempre in cerca dell’uomo della sua vita del quale innamorarsi perdutamente, dopo aver cantato con struggente partecipazione “Notti d’agosto“.

Fra i grandi successi della Goggi interpreati dai “suoi fratelli” ci sono “L’aria del sabato sera”, “Io nascerò”, “Oceano”, “Mani mani”, “Il mio prossimo amore“, “Taratapunzi-e”, “Cicciottella”… anche se bisogna riconoscere che le sue canzoni sono forse sconosciute a un pubblico al di sotto dei 35 anni, perché la Goggi, quasi novella Garbo della nostra TV, ha abbandonato le scene da un bel po’ di tempo…

Ma “Maledetta Primavera Show” non è solo questo. E’ anche la spettacolare presa in giro del mondo del pop, con le sue “celebrities” piene di capricci e debolezze. E’ una satira delle odierne tv musicali, in continua celebrazione del superfluo e dell’ovvio. E’ il racconto di quanto spietato e cinico sappia essere il circo dello show-business con le sue prede. E’ una storia ambientata nel presente ma ispirata ai “favolosi anni ’80”. Una storia che di quegli anni ha la colonna sonora, le atmosfere, i colori.

Il “Maledetta Primavera Show” si conclude con i quattro fratelli Goggi che cantano, ovviamente, la mitica “Maledetta Primavera”. E la cantano veramente bene, tanto da strappare ovazioni al pubblico. Di certo molto, ma molto meglio di Veruska all’ultimo festival di Sanremo…

Uno spettacolo da non perdere, sia per la bravura degli attori e del regista, sia per le splendide coreografie e i meravigliosi costumi, sia per la carrellata di canzoni. E sia perché “ognuno di noi è Goggi dentro” e non c’è gay che si rispetti che non conosca a memoria “Maledetta primavera” (canzone che è presente anche nella compilation Movin’out a sostegno di Gay TV).

Maledetta Primavera Show

Roma, Teatro Colosseo, fino al 18 aprile
Tutti i giorni ore 20,45. Lunedì riposo.
Per prenotazioni: 067004932 – 0677077375

Milano, Teatro delle Erbe, dal 20 al 25 aprile.
Tutti i giorni ore 21,00. Domenica ore 17,00.
Per prenotazioni: 0286464986

di Roberto Russo

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...