PORNOCARTOON

di

"The House of Morecock", primo cartone hard gay: decine di ragazzi bellissimi e disponibili, di tutte le tipologie possibili, e tutti contenti di rendere più "allegra" la vita...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1838 0
1838 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


A molti di voi il nome Joe Phillips non dirà molto, eppure è un autore di fumetti che ha all’attivo diverse collaborazioni importanti con varie case editrici statunitensi. Tuttavia, a differenza di tanti colleghi, la sua carriera ha avuto una svolta a dir poco inaspettata: mentre lavorava alla serie "Superboy" della DC Comics, alcuni lettori gay non hanno potuto fare a meno di notare il suo stile sexy, solare e ammiccante, e il passaparola ha spinto la rivista gay "XY" a proporgli la realizzazione della striscia "Joe Boy". Il successo è stato immediato e Joe ha abbandonato presto i comics tradizionali per portare una ventata d’aria fresca nel mondo dei fumetti gay. Ora ha uno studio tutto suo in California, dove lavora col fratello e il loro migliore amico, realizzando illustrazioni, fumetti, calendari e persino cartoni animati. Infatti Joe Phillips è l’ideatore di "The House of Morecock", ovvero il primo cartone animato gay hard mai realizzato (da oggi disponibile anche in Italia con Gayshopping, clicca qui).

Originariamente comparse su alcuni siti a pagamento, le insolite avventure in stile "mistery" di Jonas Morecock rappresentano il primo tentativo di conciliare il cinema hard gay con il mondo dell’animazione, rendendo omaggio a tutta una serie di cartoons storici, da "Scooby-Doo" alla "Sirenetta" di Disney, spaziando per le produzioni giapponesi e coinvolgendo anche "X-Files", "Titanic" e "The Blair Witch Project". Per l’occasione Joe Phillips ha creato decine di ragazzi bellissimi e disponibili, di tutte le razze e le tipologie possibili, e tutti ben contenti di rendere più "allegra" la vita del protagonista. Nei nove episodi che compongono il video, Jonas se la dovrà vedere con fantasmi arrapati, boscaioli villosi, agenti dell’ FBI, angeli, diavoli e chi più ne ha più ne metta. Solo nell’ episodio dal titolo "Moby Dick", Jonas partecipa a una crociera per giovani gay single, dove fra un’ammucchiata e l’altra trova il tempo per dedicarsi anche ad un baldo sottotente, finchè cade fuori bordo: verrà salvato da un "sirenetto" che deciderà di aquisire un paio di arti inferiori (e non solo quelli), per potersi godere appieno la sua compagnia.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...