PREISTORIA GAY A FUMETTI

di

Un atipico shonen ai ambientato in età neolitica, con i due protagonisti che si uniscono in matrimonio, con tanto di benedizione del padre. E' Wild Rock, in fumetteria...

931 0

Se ne parlava da diverso tempo, ormai, e dopo alcuni ritardi e tante voci di corridoio finalmente la Kappa Edizioni ha deciso di trasformare l’esprimento di Kizuna in una vera e propria collana periodica dedicata al mondo dello shonen ai giapponese. A serie dalla durata più o meno lunga si alterneranno volumetti monografici, per offrire così una maggior panoramica di questo genere che tanto ha fatto parlare di se negli ultimi anni.

Il primo titolo che non appartiene alla saga di Kizuna (la quale peraltro si avvicina al “pareggio” con le uscite giapponesi), è Wild Rock di Kazusa Takashima, uno shonen ai dall’ambientazione decisamente atipica (infatti si svolge in piena età neolitica), e che proprio per questo si era guadagnato già una certa popolarità in Italia come titolo di importazione nel giro degli appassionati di shonen ai.

La storia prende il via quando Yuen, il giovane ed efebico figlio del capo del clan della foresta dell’est, viene salvato da un leone delle caverne ad opera di Enba, l’affascinante figlio del capo del clan delle rive del lago… Enba è un abile cacciatore e questo fa sì che il clan della foresta dell’est rimanga spesso senza selvaggina. Per porre rimedio a questo stato di cose il capo del clan della foresta dell’est vorrebbe che Enba entrasse a fare parte della sua tribù e per questo escogita un piano alquanto particolare: suo figlio Yuen dovrà travestirsi da donna, sedurre Enba e farlo passare dalla propria parte!

Così Yuen inizia ad andare tutti i giorni al lago dove pesca Enba e poco alla volta inizia a farsi strada nel suo cuore, tuttavia anche Yuen inizia a provare un dolce sentimento per il bel cacciatore del clan del lago… Proprio per questo motivo Yuen decide di non prenderlo più in giro e di non recarsi più da lui: però, proprio durante l’ultimo giorno di “missione”, viene assalito da un enorme coccodrillo preistorico, Enba si precipita in suo aiuto e gli dichiara il suo amore e la sua volontà di amarlo con l’anima e con il corpo.

Ovviamente a questo punto Yuen vorrebbe ricambiare, ma sapendo che questo è un amore nato da un inganno preferisce fuggire per non rivedere Enba mai più… La sera stessa, però, accade l’imprevedibile: mentre un triste Yuen si sforza di rassegnarsi di fronte a questo amore impossibile, Enba si presenta a lui, dichiarando di avere sempre saputo che era un ragazzo e che ora vuole passare la sua vita con lui! Il padre di Yuen all’inizio pare esserne turbato, ma alla fine concede ai due ragazzi la sua benedizione, così questa diventa la loro prima notte di amore focoso e passionale… Ideale preambolo per la cerimonia che ufficializzerà la loro unione di lì a poco (in parole povere i due finiscono per sposarsi!) e che porrà fine all’annoso conflitto fra le due tribù, facendole fondere in una sola.

Il volume prosegue con un prequel alla storia fra Yuen ed Enba, e più precisamente narrando le vicissitudini amorose fra il riottoso Yuni del clan della foresta e il tenero Selem del clan del lago, ovvero i due padri di Yuen ed Enba! A quanto pare anche loro avevano iniziato a provare una forte passione amorosa, che purtroppo, proprio a causa dei conflitti fra le loro due tribù, non aveva mai potuto concretizzarsi come avrebbero desiderato, in una girandola di momenti struggenti.

Il volume si conclude con un episodio breve (e leggermente sconclusionato), che narra – fra il tragico e il demenziale – come si conclude la storia d’amore fra Yuen ed Enba.

Gli shonen ai, di solito, sono ambientati ai giorni nostri, e a differenza di altri fumetti per ragazze (altrimenti detti “shojo manga”), non hanno mai avuto una predilezione per le ambientazioni storiche (probabilmente perchè i contesti contemporanei vengono ritenuti più intriganti e, diciamolo, meno impegnativi dalle varie autrici di shonen ai), quindi Wild Rock risulta un esperimento alquanto originale sotto diversi punti di vista. Se da una parte l’ambientazione preistorica lo rende a tratti molto più dinamico della media degli shonen ai, dall’altra il contesto permette una certa libertà narrativa (vedi il matrimonio fra i protagonisti che pone fine ai conflitti fra le rispettive tribù). In ogni caso, come spesso accade in Giappone alle cose che escono dagli schemi, l’idea non ha avuto seguito e gli shonen ai hanno continuato ad essere ambientati perlopiù in un contesto contemporaneo e metropolitano.

A margine di questo discorso, tuttavia, c’è da dire che – pur presentando qualche elemento originale – Wild Rock è la riprova di quanto in Giappone i vari generi fumettistici siano codificati: in Wild Rock come in ogni shonen ai abbiamo una coppia formata da un elemento efebico, ritroso e passivo (in gergo “uke”) e un elemento attivo, audace e più maschile (il “seme”), e la trama gioca fondamentalmente sull’antagonismo simbolico che si crea fra queste due figure.

Altro tormentone degli shonen ai che si ritrova in Wild Rock è la caratterizzazione grafica dei personaggi che, pur essendo cavernicoli a tutti gli effetti, sono slanciati e glabri come tutti i protagonisti di ogni shonen ai che si rispetti (niente muscoli e peli, insomma), indossando dei perizomini che non sfigurerebbero ad una sfilata di intimo maschile.

Morale della favola: nonostante il tratto dell’autrice sia più accattivante e curato della media per questo genere di prodotto, e nonostante i presupposti per uno shonen ai diverso dal solito ci fossero tutti, è evidente che ha prevalso la logica – molto giapponese – del “rispetto delle regole costituite” e pertanto Wild Rock non si discosta granchè dalle centinaia di shonen ai che vengono realizzati ogni anno nell’arcipelago nipponico.

D’altra parte non è certo colpa degli autori di manga se vivono in una società in cui tutto è rigidamente schematizzato, e probabilmente non si pongono nemmeno il problema di realizzare qualcosa che questi schemi li rompa davvero…

Abbiamo parlato di:
Titolo: “Wild Rock
Editore: Kappa Edizioni
E-mail: info@kappaedizioni.it
Costo: € 8,50
Reperibile nelle migliori fumetterie, librerie di varia e librerie gay, presso l’editore e prossimamente su Cleptomania.it

di Valeriano Elfodiluce

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...