Primi tentativi di parodia hot gay del mondo dei super eroi

di

Iniziano ad arrivare le prime porno parodie gay dei super eroi, un filone che nell'hard etero ha molto successo. I budget molto bassi, però, e la poca cura...

11249 0

Proprio in questi giorni si sta tenendo Lucca Comics & Games, la fiera del fumetto più importante d’Italia, anche se ormai parlare solo di fumetto è riduttivo. Da diversi anni, infatti, il mondo del fumetto è sempre più legato al mondo dell’immaginario fantastico contemporaneo nel suo insieme, e intreccia il suo percorso con il cinema, l’animazione, la fiction televisiva, i videogames, i giochi di ruolo e molto altro ancora. Può essere interessante notare che, essendo ormai le tematiche gay sempre più presenti nel mondo del fumetto, altrettanto spesso i media che si richiamano al fumetto non possono fare a meno di considerare questo aspetto, innescando un circolo virtuoso dai toni sempre più gay friendly, perlomeno al di fuori dall’Italia. Basti pensare al riflesso che ha la sempre maggiore visibilità di personaggi e tematiche gay nei fumetti di supereroi: se nei superhero movies stenta ancora ad avere un corrispettivo che vada al di là di qualche “fan service” gay, e cioè qualche inquadratura o situazione studiata per gratificare il pubblico gay, in altri media la situazione è progredita molto più rapidamente.

Persino il porno gay ha ritenuto che associare omosessualità e supereroi più conosciuti non avrebbe più rappresentato un tabù o una fonte di problemi legali, tant’è che è appena nata la Manville, una piccola casa di produzione specializzata proprio nelle porno parodie gay dei supereroi. A novembre dovrebbe uscire quella dedicata a Batman e, a quanto pare, è già in lavorazione quella dedicata a Green Lantern. Purtroppo, a differenza di quello che accade nel mondo del porno etero, in cui le porno parodie di supereroi sono prodotte da grandi Studios – come la Vivid – che hanno a disposizione un budget notevole, la Manville sta portando avanti il suo progetto in economia, e sfortunatamente non sembra in grado di ottimizzare le sue risorse. Ad esempio i performers utilizzati nella porno parodia di Batman indossano dei costumi molto approssimativi e non sembrano avere le fisionomie adeguate ad interpretare Batman, Robin e i loro avversari.

Anche le locations sembrano inadeguate e alla fine si ha la netta sensazione di osservare dei porn performers che giocano a fare i supereroi ad Halloween, senza immedesimarsi più di tanto, anzichè sbirciare i risvolti gay della vita privata di Batman & Co. Esattamente il contrario di quanto accade con le più riuscite porno parodie etero del mondo dei supereroi. Queste ultime, infatti, si stanno rivelando tra i filoni più redditizzi degli ultimi anni, tant’è che continuano ad aumentare e a vedere aumentare il loro budget, investito sempre più spesso viene in scenografie adeguate, costumi verosimili ed effetti speciali dignitosi. In alcuni casi, come nella porno parodia di Spiderman e Iron Man, ad esempio, ci si trova di fronte ad una produzione apprezzabile anche a prescindere dalle parentesi sessuali. Oltretutto è evidente che per la realizzazione di queste pellicole sono stati interpellati degli esperti di fumetti, per renderle credibili agli occhi dei fans e per aggiungere elementi inediti nelle versioni cinematografiche ufficiali, ma riconoscibili dai lettori dei fumetti originali.

Ad esempio introducendo supereroi, supereroine e supercriminali che nei film finora non si sono mai visti. Tutta questa cura sembra assente nei video della Manville, e questo è un peccato, perchè gli appassionati gay di supereroi sono tantissimi e aspettavano da molto tempo che il mondo del porno li prendesse in considerazione sul serio. La cosa triste è che, anche se volessero rifarsi gli occhi con le pregevoli porno parodie etero dei loro beniamini, rimarrebbero ugualmente  frustrati dal fatto che – per ovvi motivi – in queste produzioni tutta l’attenzione è rivolta alle protagoniste femminili. E anche questo è un peccato, perchè in alcuni casi i performers maschi scelti non sono affatto da buttare, anche e soprattutto in tenuta da supereroe. La speranza, ovviamente, è che qualche studio gay affermato si accorga del grande potenziale di questo filone e sia disposto a investirci qualcosa di più.

Leggi   Pornhub, ecco cosa cercano uomini e donne in Italia

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...