TERRORE SENZA PAROLE

di

Teatro: a Siena la prima di 'Harb', spettacolo contro la guerra del regista Ennio Trinelli realizzato da Arcigay e vincitore del primo bando teatrale del Comune toscano.

628 0

SIENA – Attuale quanto mai, coi venti di guerra che soffiano di nuovo sull’Iraq. E infatti "Harb" è la parola araba per Guerra che dà il titolo al progetto teatrale realizzato da Arcigay Siena e dall’Associazione LaManicaTagliata, che nasce dalla necessità di manifestare una ferma e decisa opposizione a ogni tipo di conflitto violento, dal desiderio di riflettere attraverso l’azione teatrale sulle ragioni che lo provocano, partendo dalla guerra che ognuno di noi si porta dentro. "Harb" è ora anche uno spettacolo, che ha vinto il primo bando teatrale del Comune di Siena per artisti senesi, e che verrà messo in scena agli Orti del Tolomei di Siena, venerdì 20 settembre alle ore 21,30.

Nato da un laboratorio intensivo di cinque giorni, lo spettacolo si sviluppa in quadri semplici, quasi elementari, nella totale assenza di dialoghi, come una riflessione sulla guerra "interiore", su ciò che nel cuore delle persone dà origine al conflitto. Il regista e direttore del laboratorio, Ennio Trinelli, fondatore dell’Associazione LaManicaTagliata, ha lavorato con i giovani aspiranti attori sulla simulazione di un improvviso attacco armato in tempo di pace: la paura, l’esplosione delle bombe, il panico che si impossessa delle persone, il terrore; e poi, spiega Trinelli, "la Pazzia che si impossessa della mente e impedisce un comportamento razionale: la vita che continua a viversi e a far vivere quasi senza dare importanza alla difficoltà di vivere".

Sulla scelta di realizzare un lavoro senza battute, il regista è categorico: "Ero stanco di sentire parole – afferma – Volevo per una volta portare in teatro suggestioni che non fossero mediate dalle parole. Così ho chiesto ai partecipanti di tradurre i loro impulsi a parlare, in azioni".

L’iniziativa rappresenta il punto di arrivo di un preciso impegno del circolo Arcigay Ganimede di Siena per diffondere una cultura di tolleranza: "Tra gli scopi della nostra associazione – spiega Giacomo Andrei, presidente del circolo – c’è la promozione culturale della qualità della vita delle persone omosessuali. I progetti teatrali, ma anche cinematografici, visivi, artistici, che realizziamo sono momenti importanti dedicati a questo scopo, persino più importanti, forse, dei servizi di consulenza offerti dall’associazione".

Ecco perché il Comune di Siena ha scelto questo progetto per il primo premio per artisti senesi, consegnato il 30 agosto il piazza del Campo prima dell’inizio del concerto di Gianna Nannini davanti a 60.000 persone. "Consegnandoci la pergamena – riferisce Andrei – il sindaco ha tenuto a precisare che si trattava di un premio per il progetto, ma anche per una delle associazioni che davvero lavorano attivamente sul territorio comunale".

Lo spettacolo, che può essere realizzato per la strada, nelle piazze, come nei teatri più prestigiosi, si presenta come un evento unico, strettamente collegato al laboratorio nel quale nasce. Tuttavia, l’interesse suscitato dal progetto, ha fatto sì che, dopo la presentazione di venerdì a Siena, siano possibili eventuali repliche anche in Germania.

IL COMUNE DI SIENA
L’ARCIGAY DI SIENA
LA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI DI SIENA
presentano
"HARB/guerra"
spettacolo-azione contro la guerra
scritto e diretto da Ennio Trinelli
opera vincitrice del 1° Bando teatrale del Comune di Siena per artisti senesi
venerdì 20 settembre 2002
agli Orti del Tolomei alle ore 21,30
INGRESSO GRATUITO
Informazioni: 348 7232426 email: siena@arcigay.it

Leggi   Esce giovedì il magnifico 120 Battiti al Minuto: ecco perché parlare di Aids è assolutamente necessario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...