TUTTO SU OSCAR WILDE

di

Il più moderno e completo saggio biografico sull'autore del 'Ritratto di Dorian Gray'. La cui vita, al pari dei suoi scritti, è un'opera d'arte.

1608 0

I saggi sono spesso noiosi ed hanno l’infelice tendenza ad essere enormi. Questo saggio è in effetti "bello grosso", ma non è per nulla noioso; si può essere noiosi su molti argomenti, di certo parlando di Oscar Wilde non ci si annoia mai.

La narrazione di Richard Ellmann è notevole, scorre con facilità sotto gl’occhi, i toni colorati dell’autore si confondono con le citazioni ed i brani di Wilde stesso e di chi lo conobbe.

Su Oscar Wilde sono state scritte molte biografie, più o meno veritiere, più o meno disincantate; questa non è stata scelta a caso nel mazzo, ma per due buone ragioni. Esso è il più moderno e completo saggio biografico su Wilde, ed è bello. Che sia la migliore biografia disponibile, lo si può constatare avendo il volume in mano; molte note a piè pagina arricchiscono i capitoli, è dettagliata nei riferimenti bibliografici e nei rimandi ad opere di Wilde o di altri, presenta due interessanti appendici, più un indice analitico molto ben strutturato, se ciò non bastasse, molte belle foto ci danno la possibilità di dare un volto non solo a Wilde ma anche agli altri personaggi di questa storia. E se ai più scettici non fosse sufficiente quest’analisi, forse si fideranno del giudizio di Masolino D’Amico. Per quei pochi che lo ignorassero, egli è uno dei maggiori esperti europei di letteratura inglese, inoltre un pregevole saggista e critico teatrale; ebbene il Professor D’Amico nelle note bibliografiche a "Il ritratto di Dorian Gray" di Wilde nell’edizione della Newton-Compton dice testualmente "La biografia [su Wilde] più moderna e completa è Oscar Wilde di Richard Ellmann", e se non vi basta questo…pazienza. Riguardo alla bellezza di quest’opera non si possono citare fonti autorevoli, ma basta leggere le pagine relative al processo di Wilde per capire che oltre ad essere ben fatto questo saggio è BELLO. Chi avrà la bontà di leggere quest’opera capirà perché "bello" va scritto con lettere maiuscole.

La vita di Oscar Wilde al pari dei suoi scritti è un opera d’arte, forse la più consapevole di quest’autore, egli non si limito a vivere, fu veramente fautore del proprio destino. Il suo personaggio s’impose nella Londra vittoriana ben prima di raggiungere la fama letteraria, già durante i suoi studi oxfordiani seppe costruire il suo "soggetto", guidò la sua "maschera" fino alle vette della gloria, e quando sopraggiunse la catastrofe, egli, l’attese consapevole, si espose al giudizio ed affrontò la certa condanna.

Perché leggere questo libro??

Tralasciando per un istante i giudizi critici od estetici, questo volume va letto per svariate buone ragioni. La vita di un autore ci dice molto sulle sue opere, la vita di Wilde, invece, ci racconta le sue opere. Nelle pagine di questo libro troviamo la migliore antologia disponibile, quella che lo stesso Wilde scrisse in 46 anni di vita. Quindi se si vuole conoscere la letteratura e la società vittoriana, quest’opera va letta. Purtroppo di letteratura, in specie se vittoriana, pochi se ne interessano, quindi questo è un argomento fiacco per giustificare la spesa di 10,80 euro. Ebbene, per questa misera cifra, si acquista un po’ di conoscenza in più, che non fa mai male in fondo, inoltre ci si arricchisce della storia di un grande uomo, che ha vissuto una grande vita, scontrandosi contro l’ipocrisia di una società che, in questi cento anni e poco più, ha cambiato solo d’abito ed ha finito per sceglierne uno di cattivo gusto.

Leggi   Dimitri Cocciuti: "Dopo un coming out disastroso ho scritto un romanzo"

Perché leggere questo libro se si è gay??

Il fatto, non trascurabile, che Wilde fosse omosessuale costituisce già una buona ragione, ma questo non è, ovviamente, tutto. Quest’opera racconta in modo serio e pulito la vita di Wilde, senza mai nascondere le sue tendenze sessuali. Tendenze che queste hanno influenzato, non solo i suoi percorsi umani, ma anche quelli artistici. Senza volgarità, ma senza tacere i dettagli reali, viene tracciato il ritratto dell’artista a tutto tondo, quindi anche la sua vita privata. Se ci si accosta a Oscar Wilde di Ellmann, con il pessimo gusto del pettegolezzo da rotocalco o con voyeurismo, si finisce delusi…per fortuna. Se si legge, invece per capire "l’uomo" Wilde, è possibile penetrare affondo la vicenda umana ed artistica di uno che, come molti di noi, era diverso, nella migliore accezione del termine. Gli amori e le passioni di questo artista, sono descritte in modo semplice e concreto, lasciando spazio a quanto scrisse lo stesso Wilde ai suoi amanti ed al suo Amore, perché inoltre, la storia di quest’uomo è anche una storia d’amore e di quelle vere, che quindi possono finir male.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...