Vincent Malléa e il suo irresistibile camp retrò

di

Un artista francese 34enne che realizza collages camp del suo modello feticcio, l'attore porno gay François Sagat, ma anche drag-queen e feticisti leather con una patina nostalgicamente d'antan.

810 0

Ho scoperto questo artista francese per caso. L’anno scorso, passeggiando per Nizza vecchia, mi sono intrufolato nella piccola galleria su due livelli Sainte-Réparate che esponeva Retour sur la French Riviera (avrei poi saputo che aveva esposto per due anni, nel 2005 e nel 2006, in un locale gay che frequentavo abbastanza assiduamente ma non mi era mai capitato di incrociare le sue creazioni).

I suoi ritratti decolorati, che giocavano con l’idea del cam ma anche con una malizia dichiarata sullo stile delle smaltate provocazioni di Pierre & Gilles, mi colpirono soprattutto per quell’aria retrò che, scoprii poi in seguito, da sempre caratterizza la sua opera.

Nato nel 1974 a Mentone, cittadina della Costa Azzurra che lui definisce «incastrata tra Ventimiglia l’italiana e Monaco l’insensata», ora vive e lavora a Parigi. È però sempre rimasto legato alla sua terra: «Sono cresciuto senza davvero meravigliarmi dei tesori di questa regione che trovavo abbruttente e noiosa. Ma è lì che sono cresciuto, è li che ho sognato l’altrove, che ho incontrato l’uomo della mia vita; è lì che amo tornare frequentemente perché il Mediterraneo mi rimette le idee a posto».

Alcune sue opere sono diventate celebri perché ritraggono la superstar del porno François Sagat, suo amico personale. In Riviera Frappée si vede proprio l’attore hard che allunga un bicchiere a un ragazzo italiano in costume con tanto di didascalia esplicativa: "François e Francesco spesso condividono piacevolmente il loro cocktail ‘Riviera Frappée’". Già cult il suo nudo integrale posteriore con un grosso granchio sulla schiena in ‘Giorno due – Luna’ della collezione Heptagraphix.

Nella kitschissima Série Rose non manca un provocatorio cunnilingus tra due donne in un’opera dal titolo che è tutto un programma: Dove inizia la vita mentre in Oh, questo è figo! un ragazzo in anfibi, pantaloni militari e bretelle mostra il suo membro in semierezione. I soggetti dei suoi ritratti, realizzati con sofisticati collages e finti strappi per conferir loro un’allure un po’ retrò, fanno spesso riferimento al mondo gay: ballerini, feticisti leather, drag queen attempatelle. Nel dissacrante Inverno in Russia lui stesso si traveste da Lenin postmoderno e mostra soldati seminudi, "tovaric" occhieggianti e ragazzotti effeminati con campanello trillante in mano (Quando mi prende tra le sue braccia). Come dice Nadine Babani, «nelle mani di Vincent tutto sembra facile, è una vera fabbrica di

idee. I suoi montaggi fotografici in cui le immagini sono ritoccate, copiate, incollate, incerate, oserei dire all’antica, permettono di mettere realmente in scena i personaggi e le situazioni. A ogni immagine corrisponde una storia, un aneddoto. Bisogna prendersi del tempo per osservarle, leggere i dettagli, perché il proposito si distilla al di là dell’estetica dell’immagine».

Quest’anno ha presentato il suo quadrittico Salmo 91 nella galleria "Artevistas" a Barcellona e ci piacerebbe, non troppo in là nel tempo, poterlo vedere anche nella nostra (e quasi sua) Italia. Nel frattempo, potete ammirare le sue opere sul suo sito ufficiale www.vincentmallea.com.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...