Winter’s Moon: sesso gay al tempo degli indiani e dei cowboy

di

Frutto della matita di un italiano, ma pubblicato in Francia, "Winter's Moon" racconta la storia del figlio di un cowboy e del figlio di un capo indiano. Fino...

3380 0

Il western è un genere che ha avuto dei notevoli picchi di popolarità nel cinema e nel fumetto (e prima ancora nei romanzi pulp), anche se per gli standard attuali risulta un po’ troppo semplice e datato. Probabilmente l’epopea del west, con il suo seguito di cowboy, sceriffi e indiani, ha finito per diventare un po’ scontata e tutto sommato banale per i parametri dell’immaginario fumettistico e cinematografico di oggi, tant’è che dopo anni di silenzio il western tornerà presto nelle sale con un film dal titolo "Cowboys & Aliens" (tratto dall’omonimo fumetto), in cui cowboy e indiani si alleano per fronteggiare un’invasione extraterrestre. Come dire che il genere western classico ha fatto il suo tempo, nonostante in Italia alimenti ancora una buona fetta di mercato fumettistico (il solo Tex vende centinaia di migliaia di copie al mese, senza contare le ristampe). 

Tuttavia può essere interessante notare che l’ambientazione western continua ad essere molto presente nell’immaginario gay, al punto che negli Usa si è deciso di dare un seguito alle avventure del pistolero gay dichiarato della Marvel, Rawhide Kid (il cui coming out fece tanto discutere qualche anno fa). Un vero peccato che la nuova miniserie, "The Sensational Seven" (appena raccolta in volume), si riveli l’ennesimo fuoco di paglia, e non certo per i bei disegni di Howard Chaykin. Anche questa volta, pur non facendo di Rawhide Kid una macchietta, lo sceneggiatore Ron Zimmerman non riesce a rendere il personaggio credibile, infarcendo la storia di allusioni e allegri doppi sensi che lasciano il tempo che trovano e limitano in maniera enorme il potenziale di questo personaggio. D’altra parte Zimmerman non è gay, e in passato è stato uno degli autori del serial TV "Settimo Cielo": forse alla Marvel dovrebbero scegliere uno sceneggiatore più adatto, prima di giocarsi del tutto un’occasione d’oro.

 

Per fortuna in questi mesi ha debuttato anche il western omoerotico realizzato per la francese H&O dall’italianissimo Mauro Padovani: "Winter’s Moon". Mauro Padovani è una presenza fissa del sottobosco delle autoproduzioni italiane, all’inizio con fumetti hard etero decisamente violenti e poi con fumetti e illustrazioni con una crescente componente gay bear (nel senso più abbondante del termine). Da sempre appassionato di western, ha realizzato questa deliziosa storia di amore e sesso (condito da una buona dose di stupri più o meno graditi e di falli equini), in un raffinato bianco e nero e senza lasciare nulla all’immaginazione. È il 1869 e Thomas Walters e suo figlio David sono due fattori del Dakota. David ha una relazione segreta con l’indiano Winter’s Moon, figlio del capo tribù locale. Quando i due vengono scoperti dai rispettivi genitori (grazie anche a Wild Wind, uno spasimante di Winter’s Moon che lo vuole tutto per sè), iniziano i problemi. 

Come se tutto ciò non bastasse in zona comincia ad aggirarsi una banda di fuorilegge particolarmente libidinosi, che sembra molto interessata alla fattoria dei Walters e ai suoi abitanti… L’amore di David e Winter’s Moon riuscirà a trionfare? I banditi riusciranno a placare la loro insaziabile sete di sesso? E qual è il segreto inconfessabile di Thomas Walters? Alla fine della lettura non si può fare a meno di voler conoscere il seguito, anche perchè gli spunti narrativi non mancano affatto. Purtroppo prendiamo atto che, ancora una volta, un autore italiano ha finito per essere pubblicato all’estero senza avere avuto un’edizione nella nostra lingua. Inutile negare che la scena fumettistica italiana riflette buona parte delle dinamiche della nostra società, per cui parlare di omosessualità va bene fino a quando non si superano certi stereotipi e certi limiti. Evidentemente l’idea di un fumetto western, con personaggi virili e vogliosi che fanno sesso, urta buona parte dei tranquillizzanti pregiudizi che avvolgono ancora il concetto di gay nel nostro paese. D’altra parte se nelle pagine di Tex non è mai comparso un personaggio omosessuale dichiarato, o perlomeno bisessuale, un motivo ci deve pur essere.

Potete ordinare "Winter’s Moon" sul sito http://www.ho-editions.com/

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...