Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQ

di

Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq

Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtqLily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 1 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp_stella_maxwell_chanel_self_evident_campaign
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 2 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp_chanel_stella_,maxwell_self_evident_campaign
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 3 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp_chanel
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 4 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQ
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 5 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp_chanel
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 6 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp_chanel_testimonial
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 7 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp
Lily Rose, figlia di Johnny Depp, fa coming out e sostiene i diritti LGBTQFoto 8 - Si definisce "sexually fluid", non vuole etichette e partecipa a campagne pro lgbtq
lily_rose_depp
7224 0

Lo scorso mese di Agosto, Lily Rose Depp, figlia di Johnny Depp, ha dichiarato ai social media di appartenere alla categoria LGBTQ, definendosi “sexually fluid” (ossia non etero al 100%, quindi non vuole etichette di alcun tipo), appoggiando la campagna Self Evident, per diffondere il messaggio “We are You” (Noi siamo te), di non essere spaventati per cio’ che si è.

A proposito di questa sua dichiarazione, papà Johnny Depp ha rilasciato recentemente una dichiarazione di grande stima verso la figlia, dicendo:

Ha migliaia di fan sui social media e quando ha fatto coming out sono stati tutti completamente colti di sorpresa. Ma non io, lo sapevo già perché lei mi dice tutto, non ha paura di dirmi le cose. Siamo super legati e sono molto orgoglioso del nostro rapporto. Lily è una ragazza acuta e uno degli esseri umani più intelligenti che abbia mai incontrato. Poi ovvio, non importa quando sia adulta, non smetterò mai di preoccuparmi per lei. E’ una cosa padre-figlia. Ha la testa sulle spalle e mi di fido di lei, è responsabile.

In casa Depp, comunque, la comunita’ LGBTQ non è di certo in minoranza. La stessa nuova moglie di Johnny Depp, Amber Heard (Magic Mike XXL), si dichiaro’ bisessuale nel 2010, due anni prima di conoscerlo e lo stesso attore 52enne americano ha recentemente dichiarato che la grande maggioranza di tutti i personaggi che interpreta sono gay.

Ma una bella bandiera rainbow gliela vogliamo regalare?

Scherzi a parte, le parole e le campagne di Lily Rose Depp sono piu’ che apprezzate e l’appoggio di Johnny Depp è molto educativo e positivo, sia come padre che come essere umano, per la comunita’ LGBTQ.

 

 

 

Leggi   Roma: nasce la prima casa di riposo per anziani LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...