Bacha posh: in Afghanistan molte bambine vengono costrette a comportarsi da maschi per vivere in libertà

di

Dopo un'infanzia vissuta nella libertà, le bacha posh tornano ad essere vittime del sistema patriarcale, chiuse in casa e costrette all'invisibilità e alla violenza.

CONDIVIDI
80 Condivisioni Facebook 80 Twitter Google WhatsApp
24961 1

In Afghanistan la società è basata su una forma di patriarcato estremo.

È per questo che moltissime famiglie in Afghanistan decidono di travestire le proprie figlie da bambini, affinché possano evitare le estreme discriminazioni che le donne subiscono fin dalla nascita.

È un’usanza centenaria chiamata bacha posh, “vestita come un ragazzo”. Permette alle bambine di frequentare le scuole migliori, giocare e vivere in libertà; evita inoltre alle famiglie senza figli maschi di subire lo stigma sociale dovuto a questo “deficit”,  considerato imperdonabile. Inizia già dalla primissima infanzia, quando i genitori iniziano a progettare la vita della propria figlia come se la sua identità di genere fosse maschile.

afghanistan
Tamana Mirwais, 10 anni, ogni giorno prima di andare a scuola si veste da bambino.

Il problema si pone raggiunti i 16-17 anni: arrivata la pubertà i connotati femminili diventano impossibili da nascondere e non bastano più abiti maschili e capelli corti. Le famiglie quindi impongono improvvisamente il ritorno al genere di appartenenza e scelgono un marito per la propria figlia. Spesso però questo momento è un trauma: dopo aver vissuto tanti anni della loro vita da uomini, “smettere” di essere un maschio e “diventare” dall’oggi al domani una donna è terribile.

Questo provoca anche una repentina prevaricazione delle libertà personali. Dopo un’infanzia vissuta nella libertà, le bacha posh tornano ad essere vittime di un sistema patriarcale malato, chiuse in casa e costrette all’invisibilità e alla sottomissione al proprio marito. Con l’aggravante che essendo cresciute in un ambiente maschile, non imparano tutto quello che le donne afghane dovrebbero conoscere, ossia cucinare, cucire e occuparsi della casa. Tutto ciò aumenta notevolmente il rischio di abusi e violenze domestiche da parte del marito padrone.

L’incredibile fenomeno è stato analizzato da moltissimi studiosi e scrittori: Jenny Nordberg, giornalista e scrittrice premio Pulitzer, ha vissuto per più di un anno a Kabul per raccontare la storia delle bacha posh nel libro ‘Le ragazze segrete di Kabul’. Qual è secondo lei un primo passo per far scomparire questo grave fenomeno culturale? “Bisogna coinvolgere gli uomini in tutti i progetti e i tavoli di lavoro sulla parità di genere: bisogna educarli al rispetto e all’uguaglianza delle donne perché loro detengono il potere. Gli uomini sono la chiave per sovvertire il patriarcato“.

 

Leggi   Svezia, 22mila euro di risarcimento alle persone trans obbligate ad operarsi dalla legge
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...