DODI CONTI: "ESSERE CONSAPEVOLI PER AMARE SENZA LIMITI".

di

L"attrice è in scena a Roma con lo spettacolo in versi CYRANA versione in chiave omosessuale del Cyrano de Bergerac. ELLE l"ha intervistata.

3996 0

Mitica, eclettica, cofondatrice di "Riso Rosa", DODI CONTI è l"attrice comica del momento. Nota al grande pubblico televisivo per Macao e il più recente Tutti gli zeri del mondo di Renato Zero, ha recitato anche nel cinema in Due volte nella vita, La vespa e la regina, Muzungu e il recentissimo Fantozzi 2000.

In questi giorni è in teatro a Roma con lo spettacolo in versi CYRANA, versione in chiave omosessuale del Cyrano de Bergerac scritto e diretto da Manuela Giordano, con Cosetta De Rossi nel ruolo di Rossana e Federico Tocci in quello di Cristiano.

Attrice che non si risparmia, nella vita Dodi ha avuto il coraggio di essere sè stessa trovando la forza della sincerità e del diritto a essere donna che ama le donne. La chiamo per un"intervista e lei si mostra disponibile, sorridente, pacata, la sento vicina come fosse seduta accanto a me. Cominci a parlare con lei e da subito vorresti che la conversazione non si esaurisse troppo presto.

D: Si può dire che l"interpretazione di Cyrana ti calza a pennello?

R: Sì, certo. E" stata scritta da Manuela appositamente per me e la sento mia. Mi appartiene il suo essere controcorrente. Di questi tempi la comunicazione è così estrema, violenta, è tutto urlato, mentre lei è romantica e ne è orgogliosa. Si esprime in versi, sogna e trasforma il suo sogno in parole d"amore.

D: Che emoziona ti da interpretare un personaggio così sofferto eppure positivo?

R: Cyrana la sento sulla pelle e per questo ho voluto che la sua storie avesse un lieto fine. La sua bellezza non sta solo nel fatto che prende coscienza dell"amore che prova, ma anche di sè stessa e della sua omosessualità e di quanta purezza ci sia nei suoi sentimenti.

D: La porterete in altre città italiane?

R: Ci speriamo tanto e per questo ci stiamo lavorando.

D: Quest"anno sei stata chiamata a far parte della giuria della sezione cortometraggi del 15° Festival Internazionale di film a tematiche omosessuali "Da Sodoma a Hollywood", dopo di che in un"intervista hai detto che forse il forte bisogno di comunicazione nell"omosessualità è fonte di maggiore creatività(StradaNove). Questo è valso anche per te nel teatro?

R: Ma sì, forse sì. Io sono anni che sviluppo la tematica omosessuale. I miei lavori parlano di me e di me fa parte anche questa componente. Sì ha voglia di dire perchè si vuole cambiare l"immagine stereotipata che gli altri hanno di chi vive questa scelta. L"arte di certo aiuta a esprimersi meglio.

D: Teatro, cinema, televisione, come si conciliano in Dodi?

R: E" il mio lavoro e quello che faccio mi piace perciò direi che si conciliano benissimo.

D: Sei attrice e sei comica, quale delle due espressioni preferisci?

R: Attrice comica.

D: Smoking da uomo e aria serissima, hai recitato "Nessuno mi può giudicare" all"apertura del Gay Pride. Cosa porti con te di quella esperienza?

R: Trovo sia stato un momento importantissimo per tutti e intendo soprattutto chi fino ad allora non aveva tentato di affrontare minimamente l"argomento. In quel momento hanno dovuto aprirsi e recepire il significato di quella manifestazione. Una bellissima festa.

D: Comming out che significato ha per te?

Sinceramente nessuno. Voglio dire che io mi sento molto fortunata perché attraverso le lotte del Movimento Femminista io ho vissuto la mia omosessualità ben protetta fin dall"inizio. Per me allora era una cosa naturale desiderare di abbracciare una donna e non ho mai sentito di fare la cosa sbagliata. Anche quando ho partecipato alla trasmissione Harem all"inizio ero un pò titubante perché temevo di trasformarmi in un fenomeno da baraccone a uso e consumo, poi mi sono detta che forse era l"occasione giusta per rendere ancora più normale tutto questo. E ho detto candidamente che non mi nego di andare a letto con un uomo, ma i miei sentimenti riescono a essere pieni solo con le donne. Mi dico che sono viziata dall"amore per le donne.

D: In una intervista alla Stampa hai detto:"Amare una donna è straordinario". Perché lo è?

^R: Perché sono una inguaribile romantica e le emozioni forti li provo solo quando sento amore per un"altra donna. I gesti, l"approcio, gli scambi sentimentali in quei momenti sono davvero qualcosa di esclusivo.

D: Cosa diresti a una adolescente confusa che scopre la sua omosessualità?

R: Che l"amore è un sentimento pulito e se in lei c"è amore, nulla di ciò che vivrà potrà essere sbagliato.

di jaguar

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...