Identificato il responsabile dell’aggressione di Milano

di

Fermato e denunciato per lesioni, l'uomo nega la matrice omofoba della sua violenza, ma la vittima conferma la sua versione. L'aggressore, un commerciante, ha qualche precedente.

1918 0

E’ stato identificato e denunciato il responsabile dell’aggressione avvenuta mercoledì scorso a Milano ai danni di una ragazza lesbica di 29 anni colpevole di scambiarsi effusioni e farsi scattare foto con la fidanzata, mentre con un’amica si trovavano in un ristorante di via Sanzio.

Si tratta di Andrea C. un commerciante di 35 anni con qualche precedente, identificato grazie alle testimonianze di alcuni conoscenti della vittima e di altri testimoni.

L’uomo ha ammesso di avere aggredito la giovane ma ha negato che fosse per motivi omofobi. Secondo l’aggressore all’origine della lite ci sarebbero stati sguardi e battute.

La ragazza, invece, conferma la sua versione e racconta di essersi sentita rivolgere frasi come: "Tu ti comporti da uomo e io ti tratto da uomo e ti picchio". L’uomo dovrà adesso rispondere di lesioni.

"Il pestaggio è accaduto in una zona della Milano-bene che riflette l’Italia di oggi – si legge in una nota di Arcilesbica -, un paese alla deriva economica, sociale e morale che manovra finanza ed escort alla stessa stregua e si regge debolmente su machismo, omofobia e clientelismo. Chi da anni impedisce l’approvazione di una legge contro l’omofobia, si deve assumere tutte le responsabilità morali e civili di fronte a queste violenze; la mancata sanzione delle stesse rappresenta un’affermazione di accettazione e di connivenza".

Leggi   Egitto, due manifestanti LGBT liberi su cauzione
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...