INNAMORARSI DI UNA ETERO

di

La prima cotta non corrisposta, il primo rapporto platonico, spesso il grande amore che cambia la vita...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
546 0
546 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Succede. E succede la prima volta. A qualcuna capita d’inseguirla tutta la vita in altre storie, ad altre di dimenticarla e scoprire che si può essere felici anche senza di Lei, anzi di più.

La incontri a scuola: alle medie, al liceo, o più tardi, quando l’incoscienza va un po’ scemando, all’università. La incontri al lavoro: nello stesso ufficio che frequenti ogni

giorno o al bar dell’angolo dove trascorri le pause; è la tua capa, la tua collega, la fornaia o la postina che ti sorride tutte le mattine. E’ un fuoco che brucia avidamente. Una gioia che fa male. La scansione di un tempo che nell’attesa sembra eterno, e nelle aspettative lo resterà.

Lei è il modello di donna che vorremmo sempre avere accanto. I suoi occhi, la bocca, il volto intero s’incollano alla memoria diventando parte di noi; il suo corpo e la sua pelle entrano nei nostri sogni per non abbandonarli più. Le notti diventano giorni da vivere con la fantasia; i giorni, come le notti, prigioni di desideri insoddisfatti.

Noi siamo sue, ma Lei non lo sa. Diventiamo amiche, compagne di giochi e di lacrime da condividere. Restiamo accanto a Lei anche quando ci racconta del suo ragazzo o del suo uomo, anche quando la vediamo sempre di meno perché è innamorata o impegnata o presa da lui, anche quando avremmo avuto tanto da recriminarle per non esserci stata vicina mentre la disperazione ci soffocava la gola, e dell’anima non restava che qualche lacerato stralcio.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...