MONICA BELLUCCI:

di

La dea della distanza

961 0

E" nata a Città di Castello in provincia di Perugia nel 1969. Studia al liceo classico e presa la maturità parte per Milano dove comincerà la carriera come modella.

Dopo solo un anno è già sulle migliori passerelle a sfilare per i più grandi stilisti, e le riviste di moda se la contendono per una copertina.

Poi l"inizio della carriera cinematografica con il primo film, "La riffa" del regista Francesco Laudadio, nel "91. Seguiti da "Palla di neve" di Maurizio Michetti, "Come mi vuoi" di Carmine Amoroso e "L"ultimo capodanno" di Marco Risi.

Niente di eclatante, se non deludente.

Si trasferisce in Francia, dove trova più affinità con il suo modo di esprimersi e, infatti, con "L"appartement" di Gilles Mimouni ottiene una nomination al César, dopo di che interpreta "Le dobermann" di Jan kounen.

Termina di girare "Malena" di Giuseppe Tornatore, e "Le pact des loups" di Christophe Ganz, e si presenta a Cannes con "Under Suspicion" di Stephen Hopkins.

Nel frattempo si è fatta immortalare da due famosi calendari come il Pirelli "97 e il Max "99, tanto per non perdere il vizio della posa e soprattutto tempo. Un"ascesa lenta la sua, e di certo non spettacolare, ma fin che si può vale la pena di guardare….se si potesse anche toccare..

di jaguar

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...