Uma Thurman: Eleganza, intelligenza e determinazione!

di

Attrice raffinata, moglie e madre felice, una donna che vive la sua vita esattamente come vuole, ma che ora ha un grave problema psicologico...

627 0

Nasce a Boston, in Massachusetts, il 29 aprile del 1970. Sua madre è la psicoterapeuta ed ex modella Nena Von Schlebrugge. Suo padre è Robert A.F. Thurman, un professore di studi buddisti e indo-tibetani della Columbia University, divenuto il primo monaco occidentale e il cui nome, Uma Karuna, è un omaggio all’omonima divinità Hindu. Ribelle, determinata,

controcorrente, Uma lascia gli studi a quindici anni per cominciare la sua carriera di modella. Le cronache rosa seguono con passione i suoi numerosi flirt: Robert De Niro e Timothy Hutton, il matrimonio con il tenebroso Gary Oldman nel 90, durato sì e no due anni, fino a quello con il bello e incantato Ethan Hawke nel 1998 dal quale, a luglio dello stesso anno nasce la sua prima figlia, Maya Ray.
Il suo esordio nel mondo del cinema, come attrice, risale al 1987 nel film Kiss Daddy Goodnight. Occhi immensi, fisico filiforme, dice di ispirarsi a tre dive del calibro di Greta garbo, Marlene Dietrich e Lauren Bacall. La sua vita si erge su un’unica parole d’ordine impartita dal padre a lei e i suoi tre fratelli, ovvero: "indipendenza". Il cinema non è però ambiente facile neppure per chi, come lei, sembra avere tutte le carte in regola per sfondare e il

successo di pubblica e critica arriva solo dopo qualche difficoltà nel 1988 con il film "Le relazioni pericolose" dove interpreta il ruolo di Cecile de Volanges accanto a tre mostri sacri come Glenn Close, John Malkovich e Michelle Pfiffer.
La grande opportunità arriva nel 1994 con la parte di Mia Wallace in "Pulp Fiction" affidatale dal regista di nuova generazione Quentin tarantino". E’ il film che le fa ottenere la Nomination all’Oscar e vincere l’MTV Movie Award. Di seguito arriva il sexy ruolo di Poison Ivy in Batman & Robin del 1997, quello futuristico, accanto al suo compagno, in "Gattaca", quindi "I miserabili", e quello a fianco di Ralph Fiennes in "The Avengers". E nel 2000 altri due film, uno dei quali "Sweet and Lowdown", interpretato accanto a Sean Penn e diretto da Woody Allen. Negli ultimi tempi la rivista statunitense "Talk" ha pubblicato un’intervista e nuove immagini di "Uma Thurman", ritratta dal celebre fotografo David Bailey, che evidenziano la sua

eccessiva magrezza: guance scavate e ossa del torace sporgenti. Racconta di essere afflitta da un grave disturbo psicologico che le fa pensare di essere sovrappeso e deforme: "Appena mi metto del cibo in bocca mi vedo gonfia e sformata e non riesco a mandarlo giù". Spiega che non si tratta di anoressia, ma di "body dysmorphic disease", un serio problema mentale che in alcuni casi gravi può portare all’automutilazione e al suicidio: "Dopo il parto, ho perso subito i chili che avevo preso, ma l’immagine che avevo di me stessa è sparita. Al suo posto ne è arrivata un’altra, disgustosa, orripilante, tremenda. Non riesco a guardarmi allo specchio". Queste le parole che più colpiscono dell’intervista, col marito è felice, ma il suo disturbosta minando la loro serenità. Quanto durerà?

di Elle

Leggi   10 borse da viaggio per le vacanze estive (e non solo)
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...