Una Cucinotta in salsa di mandorle!

di

Bella, intraprendente e...di larghe vedute.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


"Presto sarò mamma e questa volta non è una finzione…" Maria Grazia Cucinotta si presenta così, da brava padrona di casa del suo sito ufficiale. Nata a Messina il 27 Luglio sotto il segno del Leone,

ha iniziato a lavorare nel periodo estivo a Milano come modella all’età di 16 anni.

Finiti gli studi ha abbandonato l’attività di modella: "non mi piaceva essere usata solo per la mia immagine ma anche per la mia testa" spiega fra le righe della sua biografia, quindi fa un provino a Roma per "Indietro Tutta" di Renzo Arbore dove le offrono la parte dell’odalisca con cui inizia la sua carriera televisiva.

Urge la necessità di eliminare l’accento siciliano, per questo inizia a prendere lezioni di recitazione e dizione e, pur continuando ad effettuare lavori televisivi utili per mantenersi economicamente e proseguire gli studi, si presenta ad un’agenzia cinematografica.

Purtroppo i provini per il Cinema ebbero un esito quasi sempre negativo, a differenza di quelli per la

pubblicità che invece andarono talmente bene da essere chiamata a girare uno spot dopo l’altro. I set della pubblicità furono un’ottima scuola per imparare la tecnica, incontrare registi internazionali e far uscire la sua immagine fuori dall’Italia.

Massimo Troisi è la prima persona a credere in lei quando la scelse per il film "Il Postino" che le permise di farsi conoscere come attrice non solo in Italia ma in tutto il mondo.

Da quel momento iniziano ad arrivare i primi copioni tra i quali lei sceglie "I Laureati", di Leonardo Pieraccioni, che si rivelerà un grandissimo successo. Subito dopo gira "Italiani", di Maurizio Ponzi, seguito dal film televisivo "Padre

Papà" per Canale 5. Parte per l’America per le nomination agli Oscar del film di Troisi, e al rientro gira "Il Sindaco", di Fabrizio Giordani, poi il primo film americano che si intitola "Brooklin State of Mind", di Frank Rainone, ambientato a New York nei sobborghi di Brooklyn. Immediatamente dopo, quasi senza tregua, in Tunisia gira il film della Titanus "Il Quarto Re" con Raul Bova, una specie di fiaba sui re magi e, per l’ennesima volta, interpreta una donna in lieta attesa. Gira un film con Diego Abatantuono: "Camere da letto"; una commedia brillante a Los Angeles diretta dal regista inglese Guy Greville Morris dal titolo "Ballad of the Nightingale". Una parte in

"007", madrina del Pride 2000 a Roma, un libro di ricette e un sacco di altri impegni che non le hanno impedito di trovare il tempo di riuscire a fecondare un figlio.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...