VOCI ANGELICHE E ALTI IDEALI

di

Un gruppo di donne canta unendo voci angeliche e alti ideali: "Siamo lesbiche, guardateci e...ascoltateci.

1140 0

Sono 16 donne, belle e sorridenti. Vestono con semplici ma eleganti abiti da sera e appartengono a razze diverse. Una cosa le accomuna tutte: sono lesbiche e vogliono mostrarsi al mondo per quello che sono. Fondato nel 1988, il gruppo Lesbian Choral Ensemble è un coro che canta prevalentemente a cappella. Le donne che lo compongono vogliono portare avanti una missione: combinare la visibilità lesbica con virtuosismi musicali. Nel loro repertorio ci sono canzoni di Ysaye Maria Barnwell, Bernice Johnson Reagon of Sweet Honey in the Rock, Aurelio Font, Rachel Bagby, Joan Simcoe, Melanie DeMore, Betsy Rose; canzoni tradizionali appartenenti a varie culture, e grazie alle fantastiche capacità vocali delle ragazze, sono in grado di presentare un repertorio che spazia dal jazz al madrigale, il tutto unito a canzoni originali scritte dai membri del gruppo e altre canzoni che riflettono la diversità della comunità lesbica. Non mancano canzoni moderne: le maestre di musica cantano con orgoglio brani di K.D.Lang, John Farmer e Sinead O’Connor (che ha recentemente ammesso la sua omosessualità). Orgoglio gay unito a splendide voci. Potrebbero essere un buon esempio per il resto del mondo e, perché no, anche per il nostro vecchio continente europeo. Del resto è noto che la musica supera tutte le barriere ed unisce idee e fedi diverse.

Per chi parla l’inglese, ecco un indirizzo per iscriversi alla mailing list delle fans: basta scrivere a majordomo@listlink.berkeley.edu inserendo nel corpo del messaggio la frase "subscribe voices-fans" ed il gioco è fatto. Per avere notizie sui loro concerti o per varie curiosità l’indirizzo e-mail è il seguente:

voices-info@uclink4.berkeley.edu

Potete anche contattarle direttamente via posta al seguente indirizzo:

VOICES: Lesbian Choral Ensemble

4043 Piedmont Avenue, Suite 226

Oakland, California 94611

di Lily Ayo

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...