Ecco l’agenzia per matrimoni gay, tutta italiana!

di

L'idea di organizzare matrimoni gay esclusivamente in Italia è venuta a quattro ragazzi (sempre italiani)

7804 0

All you need for your wedding is an orchestra“: mai frase fu più vera! In effetti servono sia un’orchestra vera e propria, che intrattenga gli ospiti e li faccia divertire durante i festeggiamenti, sia un’orchestra per così dire “figurale”, di persone attente e fidate alle quali delegare l’organizzazione dell’evento e tutti i dettagli per renderlo memorabile. È di questo che si occupa “Orchestra: Italian Weddings for Equal Love”, una delle primissime agenzie tutte italiane per l’organizzazione di matrimoni gay!

L’idea è di quattro ragazzi italiani: Miriam, ideatrice e cuore pulsante del progetto, Biagio, creative director e esperto di design, Fabio, financial manager con spiccate competenze tecniche e “pratiche”, e Silvia, social media manager del sito. Perché proprio l’Italia? Il progetto infatti è nato quando l’idea dell’approvazione delle unioni civili (che, ricordiamo, sono state calendarizzate alla Camera per il 9 maggio) era ancora lontano: “Il nostro territorio, il nostro patrimonio artistico e paesaggistico, le nostre tradizioni e la nostra cultura rappresentano da sempre nell’immaginario collettivo globale la meta per eccellenza di un viaggio nella bellezza. L’Italia è un posto meraviglioso!“.

orchestra_matrimonio_gay_2

In concreto, di cosa si occupa l’agenzia? “Le nostre figure sono in primis importanti per mediare con le istituzioni, che sono molto indietro rispetto al Paese reale. Poi c’è il problema delle famiglie che molte volte non sanno o si rifiutano di venire. Dobbiamo gestire tutto questo, non siamo una semplice agenzia matrimoniale”. Basti pensare che negli Stati Uniti il 78% delle unioni etero è pagato dai genitori, mentre per quelle gay solo l’8% sono finanziate dalla famiglia: anche i costi, quindi, sono maggiori o comunque dipendono dalla situazione specifica. “Il matrimonio gay è completamente diverso da quello tradizionale: lì è il giorno della sposa, mentre qui la festa è della coppia, entrano insieme tutti e due. Non ha più senso l’etimologia della parola, perché ‘matrimonio’ vuol dire compito della madre da ‘mater’ e ‘monus’; noi alleggeriamo e modernizziamo il rito, levandogli tutte le connotazioni patriarcali“. Oltre a questi servizi “speciali”, ovviamente l’agenzia si occupa di tutto il resto: dalle partecipazioni all’accoglienza, dalla location al catering, dallo styling all’intrattenimento, fino alla luna di miele. Il servizio è a 360 gradi e super professionale.

matrimonio_gay_2

I ragazzi di “Orchestra” hanno già esperienza: alcune celebrazioni ci sono già state, come quella di Damiano e Ernesto, piemontesi trapiantati in Brasile che hanno scelto il Belpaese per celebrare il loro amore, e più precisamente le Langhe. Hanno addirittura voluto la benedizione di un parroco, e i ragazzi di Orchestra si sono occupati di convincere anche i parenti più restii (nonna in campagna compresa).

orchestra_matrimonio_gay

Ci auguriamo che, con l’approvazione imminente del decreto sulle unioni civili, questa agenzia possa diffondere i propri servizi a tutte le persone che lo desiderano e organizzare con più facilità le celebrazioni, senza l’ostruzionismo incontrato nei mesi precedenti. Loro si trovano a Milano, e sul loro sito ufficiale (cliccate qui) potete visionare più approfonditamente le informazioni che vi servono.

Che dire…che i preparativi abbiano inizio!

Leggi   Savona, c'è il primo divorzio da unione civile
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...