I medici si interrogano: perché così tanti gay maschi vittime della meningite?

di

I numeri assoluti sono ancora bassi e un vaccino per la meningite batterica è assolutamente consigliato, ma i medici vogliono andare a fondo.

CONDIVIDI
47 Condivisioni Facebook 47 Twitter Google WhatsApp
11015 3
I medici americani si interrogano sul recente aumento di casi di meningite tra gli uomini gay americani. Analogamente a un trend che si registra nelle città europee, New York, Chicago e il sud della California vedono un aumento di casi di meningite batterica che colpiscono sproporzionatamente quella popolazione.
Intendiamoci, i numeri assoluti sono ancora bassi e un vaccino per la meningite batterica è assolutamente consigliato a chi ha una vita sessuale attiva (LEGGI QUI >), ma i medici vogliono andare a fondo. Di 13 casi di meningite nella contea di Los Angeles quest’anno, ben 7 erano relativi a uomini gay. A Long Beach, di 6 casi di meningite, 3 erano di pazienti gay. I medici pensano che i casi di meningite che si rilevano in California siano correlati perché appartengono tutti allo stesso ceppo C del meningococco. La meningite batterica può essere mortale e lasciare segni permanenti nei pazienti che sopravvivono, come danni cerebrali.

Il batterio viene trasmesso attraverso la saliva, baciandosi o condividendo il bicchiere o effetti personali. Ma richiede un contatto prolungato, a differenza del virus influenzale.

Gli epidemiologi ritengono che i casi di infezione siano più probabili tra uomini che hanno molteplici partners sessuali. A New York il dipartimento della salute ha lanciato un’indagine epidemiologica per capire la relazione tra batterio e pazienti gay e in particolare se esistano altre sedi di proliferazione del batterio oltre a gola e bocca che possano facilitare l’infezione. I medici raccomandano la vaccinazione meningococcica ai pazienti che sieropositivi a causa del loro sistema immunitario più debole, tanto da rendere gratuite le vaccinazioni agli omosessuali maschi nella contea di Los Angeles. Fintanto che i medici non capiranno le cause della maggiore incidenza di tale infezione tra i gay, la vaccinazione rimane l’arma più sicura per difendersi. Proteggetevi!

LEGGI ANCHE: Tre vaccini che chi ha una vita sessuale attiva dovrebbe fare > >

vaccino

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...