Ecco i Paesi che nel mondo hanno approvato i matrimoni omosessuali

di

Malta è diventato il ventiquattresimo Paese al mondo a legalizzarli: quale sarà il venticinquesimo?

7844 1

Malta ha approvato nella giornata di ieri i matrimoni omosessuali. È il quindicesimo Paese d’Europa a legalizzarli, il ventiquattresimo nel mondo: chi c’è stato prima di Malta? Ecco la lista europea.

Olanda (2001)

Fu il primo Paese al mondo a riconoscere pieni diritti, compresa l’adozione, alle coppie omosessuali.

Belgio (2003)

Il re Alberto II firma il 30 gennaio la legge che legalizza i matrimoni omosessuali. Tre anni dopo, nel 2006, arriva anche il sì alle adozioni.

Spagna (2005)

Con il governo socialista di Zapatero la super cattolica Spagna apre ai matrimoni gay.

Norvegia (2008)

L’11 giugno 2008 il parlamento norvegese approva la legge a larga maggioranza, davanti agli applausi scroscianti del pubblico presente in galleria.

Svezia (2009)

Caso particolare: qui sono arrivate prima le adozioni (nel 2003) e poi i matrimoni, sia civili che religiosi, nel 2009.

Portogallo (2010)

Il primo ministro José Sòcrates lo definì un momento storico e il presidente della Repubblica, il conservatore Anìbal Cavaco Silva, cambiò idea all’ultimo: aveva promesso che si sarebbe avvalso del diritto di veto.

Islanda (2010)

Come la Svezia: adozioni legali da undici anni (2006), matrimoni omosessuali dal 27 giugno 2010. Nessuno in Parlamento votò contro la legge: una vera lezione di coscienza politica. Johanna Siguroardottir, inoltre, fu la prima donna omosessuale al mondo a diventare capo di governo.

Danimarca (2012)

Primo Paese a legalizzare le unioni civili nel lontano 1989, per il matrimonio i cittadini danesi hanno dovuto attendere sino al 2012. Stessi diritti anche in Groenlandia.

Francia (2013)

Il 23 aprile l’Assemblea Nazionale vota a maggioranza la legge, fortemente voluta dal premier François Hollande. Il 29 maggio dello stesso anno, a Montpellier, si celebra il primo di (ormai) una lunga serie.

Regno Unito (2013)

Tutti uniti in Regno Unito per il matrimonio omosessuale: Inghilterra, Galles e Scozia. Tutti tranne l’Irlanda del Nord, tutt’oggi sprovvista di leggi in materia.

Lussemburgo (2014)

Stretto tra Germania, Francia e Belgio e senza sbocchi sul mare, il piccolissimo Paese (poche centinaia di migliaia di abitanti) ha approvato la legge a giugno 2014. Xavier Bettel, il premier, è apertamente omosessuale.

Finlandia (2014)

Il 28 novembre il Parlamento di Helsinki dice sì: unioni civili e stepchild adoption, invece, erano legali già dal 2002. La Finlandia arriva ultima nella speciale competizione dei Paesi del Nord: un disonore?

Irlanda (2015)

Lo ha stabilito un referendum, che ha modificato l’articolo 41 della Costituzione del 1937: il 62,1% dei cittadini irlandesi ha detto sì alla possibilità per le coppie omosessuali di contrarre matrimonio.

Germania (2017)

Giugno 2017: in soli quattro giorni la legge viene depositata, discussa e approvata. La Merkel vota no, ma il suo invito al voto di coscienza fa centro.

Malta (2017)

66 voti contrari e un solo no: la piccola Malta (poco più grande dell’Isola d’Elba) continua nella sua velocissima corsa ai diritti.

L’Italia è in compagnia di altri Paesi dell’Unione Europea che non riconoscono il matrimonio egualitario: Austria, Bulgaria, Cipro, Croazia, Estonia, Lettonia e Lituania, Grecia, Polonia, Irlanda del Nord, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria.

Tra i Paesi fondatori dell’Unione Europea, però, l’Italia è l’unica a non riconoscere il matrimonio egualitario: gli altri cinque (Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi), hanno provveduto – come visto – in tal senso.

Leggi   Essere LGBT in Armenia, lo Stato eurasiatico grande come il Piemonte

NEL MONDO

Il Canada nel 2005 è il primo Paese al di fuori dall’Europa a legalizzare il matrimonio egualitario: a seguire Sudafrica (2006, unico Stato africano), Argentina (2010, primo Paese sudamericano), Uruguay, Brasile, Nuova Zelanda, Colombia e Stati Uniti. In Messico gli omosessuali possono sposarsi nella Capitale e in cinque Stati.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...