Milano: l’ex sindaco Pisapia indossa di nuovo la fascia tricolore e unisce civilmente Giambattista e Carlo!

di

L'ex sindaco, tanto amato dai milanesi, si era più volte esposto durante il suo mandato a favore dei diritti LGBT e delle unioni civili, partecipando a manifestazioni e...

CONDIVIDI
239 Condivisioni Facebook 239 Twitter Google WhatsApp
5171 1

Unioni civili a Milano, questa volta celebrate dall’ex sindaco. A comunicarlo lo stesso Giuliano Pisapia su Facebook: recatosi nella sala “dei matrimoni e delle unioni civili” di Palazzo Reale, ha unito civilmente Giambattista e Giancarlo, insieme da 34 anni.

E’ stata una gioia per me indossare nuovamente la fascia tricolore per celebrare l’unione tra Giambattista e Carlo che,…

Pubblicato da Giuliano Pisapia su Mercoledì 2 novembre 2016

Lo stesso Giancarlo, il giorno della cerimonia, ha ringraziato pubblicamente il sindaco, gli amici e i parenti che hanno partecipato al bellissimo evento:

E’ stata una giornata per noi memorabile, anzi senza volere scadere nel banale, la più bella giornata della nostra vita….

Pubblicato da Giambattista Ventrella su Sabato 29 ottobre 2016

Giuliano Pisapia ha da sempre sostenuto i diritti LGBT con coraggio e determinazione: dal 2012 Milano ha istituito il registro delle unioni civili nella sede dell’Anagrafe, ma l’ex sindaco ha sempre chiesto che venisse approvata una legge italiana e omnicomprensiva, “che elimini qualsiasi discriminazione“. Uno degli ultimi grandi interventi alla manifestazione #svegliaitalia, nel gennaio 2016: “Milano è capitale dei diritti, grazie alla istituzione del registro delle unioni civili e alla trascrizione del matrimoni tra coppie dello stesso sesso. E’ ora di dire basta discriminazioni. Non ci sono più cittadini di serie A e di serie B“. L’ex sindaco in quell’occasione citò Pablo Neruda: “La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose; il coraggio per cambiarle“.

Leggi   Milano, la giunta Sala vuole potenziare l'offerta di turismo LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...