Varese: tra mille polemiche, finalmente il primo Pride

di

Dal mancato patrocinio del comune a "Orgoglio Etero", il calvario del Varese Pride

CONDIVIDI
336 Condivisioni Facebook 336 Twitter Google WhatsApp
6677 4

Anche Varese ce l’ha fatta. Dopo un periodo tumultuoso, finalmente la città lombarda ha un Pride confermato e certo, che si terrà una settimana prima di quello milanese, il 18 giugno.

L’iter organizzativo è stato come sempre difficoltoso: il 6 febbraio era stato annunciato che il Pride ci sarebbe stato, grazie alla collaborazione dell’associazione studentesca Insubria LGBT (che si era occupata anche di organizzare nella città lo #SvegliaItalia del 23 gennaio) e ovviamente alla delegazione Arcigay Varese. “Abbiamo chiesto anche il patrocinio del Comune e della Provincia – aveva spiegato Giovanni Boschini, portavoce del coordinamento Varese Pride e presidente di Arcigay Varese – e ci auguriamo che la nostra richiesta venga accettata: ci aspettiamo un cenno di accoglienza da parte delle istituzioni locali nei confronti della comunità gay, lesbica, bisessuale e transessuale. Persone prima di tutto, parte integrante del tessuto sociale della città. Vogliamo che Varese inizi a essere una città più inclusiva nei confronti delle minoranze“. Oltre alla manifestazione, un’altra grande novità: la riapertura, dopo 15 anni, di una sede Arcigay a Varese: “Speriamo che sia un punto di riferimento nella città per gay, lesbiche, bisex e trans, ma anche per tutti coloro che sono impegnati per affermare i diritti“.

Dopo le premesse positive, lo smacco: il rifiuto del patrocinio da parte del Comune. La giunta ha negato all’unanimità il patrocinio all’evento perché “è divisivo e non mette tutti d’accordo” e perché “siamo in periodo elettorale“: di risposta, il 2 marzo arriva il placet della Provincia, rappresentata da Gunnar Vincenzi. Da qui le polemiche e l’organizzazione da parte di Piero Galparoli e Giuseppe Longhin, rispettivamente capigruppo in consiglio provinciale dei gruppi Liberi per la Provincia e Lega Nord Lega Lombarda, di una manifestazione denominata “Orgoglio Etero”: “Vogliamo valorizzare quella condizione di etero che negli ultimi anni è percepita, assurdamente, come negatività. Sarà l’occasione per ribadire il concetto di famiglia naturale e riequilibrare quello di ‘diritti e doveri’ che oggi è a sfavore della famiglia naturale sia sotto l’aspetto morale che sotto l’aspetto legislativo”. Parole offensive, provocatorie e fortemente discriminatorie. Qualche voce dissonante per fortuna c’è. Il capogruppo della nuova lista indipendente della sinistra Dino De Simone afferma: “Ci andrò con mia moglie e il mio bimbo, personalmente vorrei educarlo a cercare la bellezza e l’umanità nella diversità delle persone. Mi auguro che un giorno vivrà in un mondo in cui i diritti saranno davvero per tutti. Non mi sentirei un bravo padre se lo educassi alla chiusura e alla discriminazione”.

wpid-20927-pride_mi59.jpg

“Pare che sia la prima manifestazione in dieci anni per la quale il Comune ha negato il patrocinio. Ciò ha determinato una maggiorazione dei costi per l’energia elettrica e il suolo pubblico“, afferma Boschini. Anche per questo è importante contribuire al crowdfunding lanciato per aiutare a sostenere l’evento. Nonostante le difficoltà, l’entusiasmo non mancherà e la comunità gay varesina scenderà per le strade con o senza il patrocinio del Comune.

Cliccate qui per tutte le informazioni riguardo all’evento!

Leggi   Romania, apertura alle civil partnership ma resta l'ombra del referendum contro il matrimonio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...