21/09/16 - A "Storie Vere" l'unione di Ivan e Simone celebrata...

A "Storie Vere" l'unione di Ivan e Simone celebrata a Fiumicino

Posted by Gay Center on Wednesday, September 21, 2016

Fiumicino: l’unione civile della coppia più giovane d’Italia ripresa dalle telecamere di Rai Uno

di

"Alla reception in ospedale mi mettevano da parte dicendomi che non ero nessuno, non permettendomi di entrare. È da allora che ho deciso di combattere per i miei...

CONDIVIDI
743 Condivisioni Facebook 743 Twitter Google WhatsApp
19939 2


VIENNA PREMIA UN AMORE SPECIALE!

Scopri come vincere un meraviglioso viaggio per 2 a Vienna con #lovewinsvienna


A Fiumicino, uno dei primi Comuni ad aver istituito un registro di prenotazioni già a luglio (LEGGI >), è stata celebrata un’unione civile un po’ speciale: Ivan e Simone hanno solo 23 anni e hanno deciso di regolamentare di fronte all’ufficiale di stato civile il loro amore.

La cerimonia è stata ripresa dalle telecamere di “Storie Vere”, il programma di Rai Uno condotto da Eleonora Daniele, e mandato in onda questa mattina. Alla celebrazione erano presenti anche Monica Cirinnà e Fabrizio Marrazzo di Gay Center, che ha officiato in prima persona.

Nonostante la giovanissima età, i ragazzi usano il termine ‘finalmente’:Stiamo insieme da sei anni e fin da subito avevamo degli obiettivi insieme: uno di questi era il matrimonio“. “Questi ragazzi hanno di fronte a loro una vita felice e senza discriminazioni, già da piccoli“, commenta Monica Cirinnà. “Io ho assistito a unioni civili di persone molto grandi, che aspettavano quel momento da una vita“: Ivan e Simone invece, sono stati fortunati e hanno potuto coronare il loro sogno fin da subito.

Commovente il commento della madre: “Sono una mamma orgogliosa. Circa sei anni fa trovai una lettera: in quella lettera lui dice sempre ‘delusione’, ma no. Essere uomini vuol dire avere dei principi, non contare quante donne hai“, dice piangendo, riferendosi forse al coming out o all’annuncio del fidanzamento di suo figlio.

Il mio compagno ha avuto tempo fa un brutto incidente con la macchina: alla reception in ospedale mi mettevano da parte dicendomi che non ero né un coniuge né un parente, non permettendomi di entrare. È da allora che ho deciso di combattere per i miei diritti per arrivare fino a questo momento“, commenta uno di loro.


VIENNA PREMIA UN AMORE SPECIALE!

Scopri come vincere un meraviglioso viaggio per 2 a Vienna con #lovewinsvienna


Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...