Unioni civili a teatro: Ferdinando Bruni dice sì al regista Francesco Frongia, dopo 30 anni insieme

di

Colonna sonora? "When I'm 64" dei Beatles, perché "ci mancava poco che arrivassimo ai 64 anni senza una legge"

CONDIVIDI
164 Condivisioni Facebook 164 Twitter Google WhatsApp
7974 0

“L’unione sarda” l’hanno chiamata scherzosamente su Facebook, visto che Francesco è di Busachi, provincia di Oristano.

Ferdinando Bruni, attore, regista e co-fondare del Teatro dell’Elfo (Oggi Elfo Puccini) di Milano e Francesco Frongia, anch’egli regista (ha debuttato all’Elfo nel 2003) si sono uniti civilmente oggi nella Sala dei matrimoni di Palazzo Reale: ad officiare l’assessore alla cultura Filippo Del Corno, anche qui a sancire il legame indissolubile dei due col teatro.

Con le unioni civili cambia soprattutto la consapevolezza negli altri, cioè l’accettazione che è un fatto assolutamente normale che due persone si sposino“, hanno commentato. “Noi abbiamo una storia che dura da quasi trent’anni, e c’è stata una grande evoluzione”.

Colonna sonora? When I’m 64” dei Beatles, perché “ci mancava poco che arrivassimo ai 64 anni senza una legge“. Che secondo loro poteva essere migliore, “ma meglio averla che non averla”.

Leggi   Milano, la giunta Sala vuole potenziare l'offerta di turismo LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...