ANGELI CON LA CODA 12

di

Videogiochi gay, i diari di Haring, il bel Stipe e l'orrido Alemanno

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Playstation gay – Dopo la sinuosa Lara Croft, due nuove eroine lotteranno sugli schermi delle vostre televisioni. Hana e Rain sono, infatti, le protagoniste di Fear Effect 2, nuovo videogame della Eidos, la stessa di Lara. Sono belle, forti e lesbiche. Si tratta, in assoluto del primo videogioco gay messo in commercio e non vietato ai minori. Le due ragazze cercheranno di ottenere una sequenza del Dna che salverà 700 milioni di persone affette da una malattia incurabile. La vicenda si svolge nella seconda metà del XXI secolo, quando la genetica sarà perfezionata e l’omosessualità perfettamente accettata. Per ora è solo in lingua inglese, ma reperibile su Internet.

Haring diary – Sono usciti, nella Piccola Biblioteca degli Oscar Mondadori i "Diari" di Keith Haring, uno dei più importanti artisti del secolo passato, morto a trentadue anni di Aids nel 1990. Il poeta dei graffiti annotò pensieri, sensazioni, esperienze dai diciannove anni fino a cinque mesi prima di morire. Interessanti le valutazioni sul valore dei quadri, una del 1978 e una del 1987, completamente diverse. Toccanti e riflessivi i riferimenti alla malattia: "Nessuno merita di assistere a questo genere di morte lenta" e al sesso "Sembra ridicolo che il sesso possa occupare un posto così importante (nella vita di un artista), ma ce l’ha e ce l’ha sempre avuto".

Bistecca nel vento – Dario Cecchini, macellaio e fini dicitore dell’Alighieri (quello che ha messo le bistecche nelle bare per celebrarne la dipartita dalle nostre tavole) ha svelato, giorni fa, un curioso segreto. Elton John starebbe scrivendo una canzone per l’illustre pezzo di manzo. Che la vecchia signora del pop britannico fosse un po’ in ciampanelle si era capito quando comprò un’enorme esemplare con l’osso ad un’asta benefica. Adesso, però, vorremmo salvarci da una nuova versione dell’ode che cantò a Marilyn Monroe (e poi a Lady Diana). Steak in the wind?

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...