ANGELI CON LA CODA 17

di

Kevin il bello e la gaffe di Sofia. Un film per Eminem, la tv per Ellen, e ai Fun Lovin' Criminals un club gay.

827 0

Gay club per i Fun Lovin’ Criminals – "Ho incontrato la più bella ragazza della mia vita una notte, una notte gay". Questo il testo dell’ultimo singolo dei Fun Lovin’ Criminals, band funky rock neyorkese, spesso protagonisti della cronaca rosa per love stories con presentatori di MTV o per risse truculente con altri musicisti. La storia è quella di un ragazzo che entra per sbaglio in una discoteca omo e, superati gli imbarazzi iniziali socializza con i ragazzi e si fidanza pure con una etero che passava di lì per caso.

Stop a Eminem – Il rapper bianco nemico dei gay sta raccogliendo fondi ed idee per la sua prossima fatica. Un film autobiografico. Il progetto è stato però bloccato dalla produzione per alcuni contenuti esplicitamente omofobi. Pare che gli studios, notoriamente strapieni di gay, non se la siano sentita di fronteggiare una prevedibile campagna di polemiche e ritorsioni. Iter temporaneamente bloccato in attesa di nuove "epurazioni".

Dalla spiaggia alla piazza – Alfonso Pecoraro Scanio, ex ministro dell’agricoltura ed attuale consigliere comunale a Napoli per i Verdi e Ferzan Ozpetek, regista culto de "Le fate ignoranti" si sono ritrovati in vacanza insieme in Spagna. E hanno rafforzato il loro sodalizio a favore dell’approvazione di una legge sulle unioni di fatto. "Ho ringraziato Ferzan per aver ripreso le bandiere dei Verdi in una sequenza del film". Sia Pecoraro Scanio che Ozpetek hanno in comune famiglie allargate ad amici e compagni. Tutti e due sono dichiaratamente gay. In futuro, probabilmente uniti anche in una campagna a sostegno delle unioni gay.

Pensiero orrendo – Sofia Loren. Domanda del quotidiano La Stampa: "Dopo quello che è successo a Genova, si sente di fare un appello contro la violenza?". Risposta di Sofia: "Io non so di cosa stia parlando. Ma è normale parlare contro la violenza, non solo quella che succede in Italia". Va bene l’equidistanza, va bene l’internazionalismo, ma dopo quello che è successo a New York avrà ancora il coraggio di far finta di non sapere, signora Loren?

Pensiero stupendo – Kevin dei Backstreet Boys. E’ il vero bello del gruppo e si vede. In questi giorni di preoccupanti dichiarazioni nazionaliste da parte del governo americano è l’unico che prende le distanze con serietà. "Sono vicino ai familiari delle vittime. Sfortunatamente, però, gli Stati Uniti sono stati per troppo tempo un paese arrogante e senza rispetto. Dalla tragedia in poi saremo tutti costretti a prestare attenzione anche ai più deboli e ai più lontani. Spero che questo grande dolore serva agli Usa per riflettere sulla propria politica".

di Paola Faggioli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...