ANGELI CON LA CODA 23

di

Valeria Rossi senza censure, video gay per i Sigur Ros, Taricone queer, splendido Him e orrido Sgarbi.

948 0

Dammi tre parooole… – Valeria Rossi in un’intervista televisiva: Sei mai stata con una donna? -"E’ la mia fantasia erotica più ricorrente" – ma ci sei mai andata vicino? – "Mmmmm…beh" – quanto vicino? – "Ehhhh…. (risata)". A testimonianza che l’ambiguità paga in termini di immagine. Non ci si vergogna più, anzi si ammicca. Quanto sembrano lontani i tempi in cui si censurava Claudio Baglioni per la paura e la voglia di essere nudi.

Video award – Ai Sigur Ros. Sono un gruppo islandese che fa musica bella, ma obiettivamente difficile. Ma se riuscite a vedere (a tarda ora, si capisce, prima bisogna trasmettere la Pausini) il video del loro ultimo singolo "Vioar Vel til Loftàràsa" vi godrete un bel momento di cinema. Cinema in musica. Due ragazzini adolescenti, sullo sfondo di verdi colline nordiche si amano. Goffamente e timidamente come si fa a quell’età. Il padre di uno dei due è un personaggio rivoltante, infastidito dalla sensibilità del figlio. Ma alla partita di calcio con la squadretta del paese i due ragazzi vanno all’attacco, uno dribbla e tira in assist all’altro, che segna. Abbraccio fra i due e bacio rovente sul campo, con ovvio scandalo e allontanamento. Provate a sintonizzarvi dopo mezzanotte.

Taricone gaio, anzi no – D’agostino c’aveva messo la pulce nell’orecchio. Giovanni Benincasa, autore del gay show prossimo (?) venturo (mah) Gayezza, beccato a pranzo con Pietro Taricone. Ergo: Taricone probabile conduttore del programma di Raidue. Che o’ Guerriero fosse bene amato dal pubblico queer lo si sapeva da un pezzo, soprattutto dopo le foto scostumate su Max e i video della doccia malandrina. Tuttavia sembra proprio che non vi sia alcuna possibilità di vederlo condurre l’allegra brigata di pazze in seconda serata. Accontentatevi delle ospitate su Mediaset.

Pensiero stupendo – Valo, cantante degli Him. Finlandese, bruno dagli occhi azzurri e pallidissimo. Se vi piace il metal addomesticato potrete vederlo in tour con il gruppo in questi giorni a Roma , Milano e Firenze. Bellissima voce, braccio sinistro tatuato e sigaretta sempiterna, ha una certa predilezione per il macabro: si fa chiamare His Infernal Majesty e scrive testi come "I love you: a prelude to tragedy". Anche se non sembra più affezionato agli intrugli chimici, specie da quella volta che, ad Amsterdam, fu fermato in mutandine mentre chiedeva ad alta voce un sandwich al pollo.

Pensiero orrendo – Vittorio Sgarbi. Il sottosegretario più pazzo del mondo, in onda su "Le iene", definisce gli obiettori di coscienza "culattoni raccomandati". Seguono casini vari ed interrogazione parlamentare. Egli si scusa: con la frase voleva offendere solo il Trio Medusa, che lo stava intervistando e non la categoria degli obiettori. E i culattoni? Non voleva usare un termine dispregiativo per i gay, bensì indicare persone molto fortunate, scampate alla naja. Culattoni, in senso di "culoni", cioè beneficiari di molta fortuna. Esegesi impossibile di un’uscita infelice.

di Paola Faggioli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...