Coco, gay in Nazionale? Ben vengano

di

Il calciatore interviene nella polemiche sui gay nel calcio. E sulle voci sulla sua sessualità risponde: "ero soltanto un ragazzo con troppi pesi addosso e senza maschera".

1154 0

"Sostenevano che fossi gay, ma io dico: e allora? Anzi, ben vengano gli omosessuali in Nazionale, hanno una marcia in più". Lo dice Francesco Coco, ex terzino di Milan, Inter, Barcellona e della Nazionale italiana, in una lunga intervista a Chi in edicola da domani. Coco si scaglia contro quello che definisce "un mondo malato, dove sembravo l’unico uomo sbagliato in Italia, e invece ero soltanto un ragazzo con troppi pesi addosso e senza maschera".

Nell’intervista al settimanale l’ex calciatore parla della sua nuova vita "da persona normale", rammaricandosi di essere ricordato "soltanto come personaggio, a volte in negativo". Coco rivela poi di sognare una famiglia con la nuova compagna, la ballerina di origini francesi Elodie, e di aver "mandato nel dimenticatoio" tutte le sue ex famose, da Manuela Arcuri a Francesca Lodo. Durissimo infine con il padre, Antonio, suo ex manager: "Non ho piu’ un padre, lui mi ha fatto del male, mi ha rubato tutto", dice Coco, "per lui non ci sarà mai il perdono".

Leggi   Conor McGregor chiede scusa per le frasi omofobe: "Ho sbagliato, ho tanti amici gay"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...