Emma Marrone e il coming out a metà

di

In un'intervista su A, l'ex trionfatrice di Sanremo parla del rapporto col suo corpo, l'accettazione e il discorso col padre che la rassicurò: "non mi importa se torni...

7039 0

Tra le tante interviste, l’ultima rilasciata da Emma Marrone sembra una vera e propria confessione con il magazine A. Un’intervista in cui Emma racconta cosa e chi fosse prima della vittoria ad Amici nel 2010, fino a svelare un lato “distruttivo” che per troppi anni ha finito per farle del male.Per poi scomparire del tutto, finalmente.

«Per anni sono andata avanti con l’autodistruzione, rasandomi i capelli, assumendo atteggiamenti sempre meno femminili. In me si vedeva soprattutto la biondona, ho sempre avuto paura che la parte fisica sovrastasse quella artistica». «Non mi voglio più difendere. Oggi sono cresciuta, mi sono accettata. Il mio grande seno è un peso ingombrante da sostenere, soprattutto sul palcoscenico. Però ce l’ho e me lo tengo. E pensare che al ginnasio ero piatta come una tavola…».

Donna dentro e donna fuori, l’Emma Marrone di oggi è diversa rispetto all’Emma Marrone di pochi anni fa. Molto più sicura di sé e dei propri mezzi, ufficialmente single ma anche “certa” delle propria femminilità, per troppo tempo volutamente oscurata, tanto da suscitare un mare di voci su una sua presunta omosessualità. A cui lei risponde così.

«Quella è l’unica cosa che non mi ha mai preoccupata. Mi dispiaceva solo per i miei genitori, anche loro sbattuti in questo mondo. Ricordo che chiamai mio padre: “Se leggi qualcosa…”, lui mi ha bloccato: “Ascolta”, mi disse, “a me non importa se tu torni a casa accompagnata da un uomo o da una donna, per me importante è che tu sia felice”. Quindi se i miei genitori non mi giudicano a me di andare per l’Italia a dire sono etero, o sono omosessuale perché mi raso capelli e sono tatuata, non interessa. Ognuno pensi quello che vuole».

Leggi   Addio a Lil Peep: il rapper newyorkese aveva 21 anni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...