Le relazioni gay di Haider, ad un anno dalla morte

di

Un anno fa il tragico incidente in cui perse la vita il leader dell'estrema destra carinza Joerg Haider. E l'ex amante e braccio destro racconta che quella notte...

1672 0

Per otto anni Joerg Haider ha avuto un amante segreto, un cameriere di 31 anni con il quale fece sesso per due volte il giorno dell’incidente d’auto in cui morì, l’11 ottobre 2008. A rivelarlo è lo stesso ex compagno del leader dell’estrema destra austriaca, René, in un’intervista esclusiva alla "Bild". Quel giorno "Joerg era stato da me dalle 16 alle 18.30 ed era partito dandomi un bacio e dicendomi:’Ci vediamo più tardi’ – ha raccontato René -. Poi andò alla discoteca ‘Le Cabaret’ e al ritorno "abbiamo fatto di nuovo sesso", ha aggiunto, finche’ dieci minuti dopo mezzanotte ripartì per recarsi nello ‘Stadtkraemer’ (un locale gay, ndr), dove lo aspettava il suo portavoce, che era geloso ma non sapeva nulla di noi due". Alle 0.45 Haider chiamo’  René dal locale per proporgli di dormire da lui, ma il cameriere rifiutò perché il giorno dopo aveva un colloquio di lavoro. "Ancora oggi ho molti rimorsi, perche’ se avessi dormito a casa sua, lui non sarebbe partito in macchina ed oggi sarebbe ancora vivo", ha spiegato.

L’amico gay del defunto governatore della Carinzia ha assicurato che quando Haider lasciò la sua abitazione era sobrio. "Non riesco a capire come potesse aver bevuto tanto alcol, poiché non l’ho mai visto bere forti bevande alcoliche, ma solo vino bianco". Nello ‘Stadtkraemer è rimasto appena tre quarti d’ora". Il cameriere racconta di aver conosciuto Haider durante un congresso religioso a Villach e di essere stato abbordato in quell’occasione. "Mi ha invitato a bere qualcosa, poi ci siamo scambiati i numeri di cellulare", racconta René, "ma due giorni dopo ero già a casa sua. Io dormivo da lui nella ‘Stadhaus’ (la residenza ufficiale del governatore, ndr) e lui a casa mia. Ci vedevamo almeno tre volte alla settimana. Per la sua età era un uomo molto attraente e di grande fascino, ma evitavamo di farci vedere in pubblico, poiché Klagenfurt è una città troppo piccola. Amavamo cucinare insieme e lui amava la pasta più di ogni altra cosa".

"Haider era un uomo sensibile e generoso, che mi ha fatto molti regali. Una volta mi ha regalato un laptop, in modo che potessimo scambiarci ogni giorno messaggi email. Era un uomo molto positivo, che cantava già la mattina alle 7 quando era in bagno". René sottolinea che Haider non ha mai pensato di abbandonare la famiglia e che lui non glielo ha mai chiesto, poiché "per lui la famiglia era tutto e non avrebbe mai lasciato la moglie". "Una volta mi disse che l’amava", ha rievocato Haider, "ma la sua famiglia deve essere stata a conoscenza della sua doppia vita. Non mi sono mai recato sulla sua tomba per timore di incontrare la vedova".

Leggi   Ho qualcosa da dirti! La playlist con cui celebriamo il Coming Out Day 2017
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...