MERAVIGLIOSA PARIGI

di

Ci sono un sacco di belle cose in Francia: il Louvre, le baguette, le boutique, ma soprattutto i 2be3

545 0

Come ben noto, è del tutto inutile fare le valigie per andare in vacanza se prima non ci si è ben informati su usi e costumi del luogo che si ha intenzione di visitare. Perciò, prima di mettere ombretto e mascara nella trousse per correre qui a Parigi è bene che facciate un salto a comperarvi un paio di CD per aggiornarvi su alcuni dei lati più salienti della vita parigina. Voglio dire, su qualsiasi guida trovate il Louvre, gli Champs Elysées, eccetera eccetera, e le boutique del Marais basta fare una passeggiate e le vedete, ma se non conoscete i meravigliosi “2be3” potete considerarvi tagliati fuori da qualsiasi conversazione degna di nota. La parola d’ordine è “restare aggiornati”.

Filip (moro), Franck (biondo, il mio preferito) e Adel (rapato) sono amici dal tempo del liceo che hanno fatto insieme in una zona povera dell’Essogne, provincia vicino a Parigi. Nel giro di pochi anni sono riusciti non solo a diventare famosi e a vincere un paio di dischi d’oro, ma anche a diventare un modello per migliaia di adolescenti, e non stiamo parlando solo delle ragazzine di 14 anni, o dei ragazzini gay di 25. Questi tre pezzi di figliuoli, che non bevono, non fumano e se facciano sesso o no (ma soprattutto con chi?!) non è dato sapere (acc…), sono diventati l’esempio di come con impegno e forza di volontà si riesca a raggiungere i propri sogni. Volevano fare concerti e diventare famosi? L’hanno fatto pur rimanendo i tre ragazzi alla mano e che non si montano la testa, che erano ai tempi del liceo. Infatti vivono nello stesso paesino, vicino ai loro genitori. Il paradigma perfetto dei ragazzi perbene, tutti acqua, muscoli e sapone. E’ solo una maschera? C’è chi dice di sì e che sono la solita boyband. Se anche fosse li perdoneremmo volentieri e basta fare un saltino al sito www.multimania.com/marky/envacances.htm dove li si può ammirare in una breve vacanza tra un video e l’altro per capire il perché. Dite la verità, non perdonereste loro qualsiasi cosa?! Comunque non sono la solita boyband, infatti in quanti concerti vi è capitato di vedere capriole a mezz’aria senza l’ausilio di effetti speciali? Tutto frutto degli anni da ginnasta di Filip e delle arti marziali di Franck che hanno forgiato non solo i loro corpi ma anche il loro spirito. C’è bisogno che aggiunga altro per farvi capire perché ormai sono un mito?

Ovviamente i pettegolezzi ed i “si dice” si sprecano, anche perché sembra che nessuno i loro sia fidanzato. Ma come è mai possibile?!?! Abbastanza certo è che con un po’ di fortuna potete incontrarli al “Queen” uno dei locali più “di tendenza” di Parigi, che fa serata gay la domenica. Indovinate dove andrò domenica prossima…

di Riccardo Gottardi

Leggi   Il poliziotto ucciso sugli Champs Elysees a Parigi era gay e attivista LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...