AZIONISTI ALLA RISCOSSA…

di

Le vostre azioni Parmalat sono crollate miseramente ma volete andare a fondo su eventuali comportamenti illeciti? Ecco esattamente come dovete comportarvi.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
596 0
596 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


LA LENTE DI INGRANDIMENTO
Le vostre azioni Parmalat sono crollate miseramente ma voi volete andare a fondo con le indagini su eventuali comportamenti illeciti delle varie istituzioni finanziarie e di controllo societario?
Magari vedete spiragli per poter ottenere anche un piccolo risarcimento?
Bene, Adusbef vi invita ad inoltrare un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica di Milano, tra le più idonee ad indagare su questa triste vicenda.
Il testo da copiare ed inviare in carta semplice e con normale affrancatura (o via fax al n° 02/5457068) alla suddetta Procura è il seguente:

Spett. Procura della Repubblica di Milano
Via Freguglia, 1
20122 MILANO
Esposto – Denuncia
Il/La sottoscritto/a……… nato/a …………il …………… a………………, residente in …………… Via ………,n° ……, titolare di n° … azioni Parmalat, danneggiato dal crollo del titolo sui mercati, chiede all’on.le Procura della Repubblica di Milano di indagare se, nei comportamenti di banche, analisti finanziari, società di revisione dei bilanci e di rating, collegio sindacale, consiglio di amministrazione, autorità vigilanti, siano configurabili fatti penalmente rilevanti che si chiede di individuare e perseguire. In caso di archiviazione, chiedo di essere informato ai sensi dell’art. 408 c.p.p. Con osservanza.
(Firma)………………………
(Data)………………………

Adusbef invita pure gli stessi azionisti ad inviare riferimenti anagrafici alla propria sede nazionale tramite telefono: 06/4818632, fax: 06/4818633 oppure e-mail: info@adusbef.it.
Per maggiori dettagli potete pure consultare il sito www.adusbef.it.
Un piccolo passo che speriamo possa produrre benefici per coloro che sono stati danneggiati da questo crack senza precedenti.

di Sirio Belli

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...