CHE COS’E’ LO SPAM

di

Proposte di allungamento del pene, vendita di Viagra, donnine con abiti succinti che aspettano solo te (!) possono diventare un incubo. Ecco cosa fare per difendersi dai messaggi...

783 0

Forse non tutti conoscono l’etimologia del termine che trae la sua origine da uno sketch comico del Monty Python’s Flying Circus ambientato all’interno di in un ristorante nel quale ogni pietanza proposta agli avventori aveva come ingrediente di base lo spam ovvero un certo tipo di carne in scatola. Man mano che lo sketch avanza, l’insistenza della cameriera nel proporre piatti con “Spam” si contrappone alla riluttanza del cliente per questo alimento, da qui il termine viene correntemente utilizzato per definire l’invio di grandi quantità di messaggi indesiderati di solito a carattere commerciale e generalmente senza il permesso del destinatario.
Molti utenti giudicano lo spam fastidioso anche per i suoi contenuti, molto spesso offensivi. Lo spammare, la pratica di inviare questo tipo di mails è condannato anche dagli ISP (internet provider) a causa dei costi del traffico generato dall’invio indiscriminato di centinaia di migliaia di email che intasano i server.
PERCHÈ CI INTASANO DI SPAM

Il principale scopo dello spamming è la pubblicità, il cui oggetto può andare dalle più comuni offerte commerciali (compresa la vendita di Viagra), a proposte di vendita di materiale pornografico, o illegale, come software pirata e discutibili progetti finanziari, ed essere quindi veicolo di truffe.
Lo “Spammer”, l’autore dei messaggi spam, invia migliaia di messaggi identici, o al limite con qualche personalizzazione a diversi indirizzi e-mail. Ma dove trova il nostro indirizzo? La raccolta degli indirizzi e-mail avviene mediante l’uso di specifici programmi che in maniera automatizzata provvedono ad individuarli attraverso pagine web, articoli, ottenendoli da database o molto più semplicemente indovinadoli usando nomi comuni. Per questo è importante scegliere la propria casella e-mail che non abbia un comune nome proprio, ad esempio.
COME EVITARE DI RICEVERLO
Ecco cosa è possibile fare per evitare di essere bombardato giornalmente da messaggi indesiderati…
Continua in seconda pagina^d
COME EVITARE DI RICEVERLO
Ecco cosa è possibile fare per evitare di essere bombardato giornalmente da messaggi indesiderati. Innanzitutto è buona norma non rispondere mai a e-mail non richieste perchè spesso gli indirizzi scelti per lo spam vengono prelevati a caso dalla rete, o generati da appositi programmi e quindi rispondere è come dire allo spammer “il mio indirizzo esiste davvero”.
Un’altra buona regola è quella di non rispondere con la parola “remove” quando nel testo della e-mail ricevuta c’è un esplicito invito a farlo, con la motivazione che rispondendo a quella mail non si riceveranno più ulteriori messaggi: questo stratagemma fà si che il tuo indirizzo sia inserito in altre liste di spammer con il disastroso risultato di ricevere ulteriori, infiniti, messaggi di spam.

Spesso il messaggio non è così esplicito ma può presentarsi in modo più subdolo all’interno della nostra casella di posta. Capita infatti che l’indirizzo del mittente sia fittizio e potrebbe risultare essere confuso con quello di un amico o di una persona che conosciamo. Il consiglio in questo caso è quello di non aprire l’e-mail in quanto, il codice HTML in essa contenuto, provvede automaticamente a dare conferma al reale mittente che il tuo indirizzo esiste e ad innescare quindi una catena virtualmente infinita di altri messaggi. A questo proposito è utile utilizzare la possibiltà offerta da molti mail client (Eudora, Outlook e altri) di disattivare la visualizzazione di immagini HTML.
Alcuni internet provider (dipende con chi abbiamo l’abbonamento) hanno inoltre il cosiddetto “filtro anti-spam” ovvero ci consentono di segnalare una email come spam e quindi di negare al mittente l’invio di ulteriore posta presso il nostro indirizzo.
PROGRAMMI ANTI-SPAM

Per chi fà un utilizzo professionale della posta o anche per chi non vuole perdere tempo a cancellare i tanti messaggi inutili in arrivo, esistono appositi “programmi anti-spam” che provvedono autonomamente ad eliminare tutte le email che somigliano per contenuto a spam oppure che provengono da provider sconosciuti. Questi sofware sono in grado di “apprendere” e possono essere personalizzati dall’utente; un paio di nomi sono “Finson Spam Stop” e “S.A.D.- anti-spam”. Come sempre… buona navigazione a tutti!
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Tecnologia.

di Antonio Lombardi

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...