CONSIGLI PER GLI ACQUISTI… GAY

di

Adesso i Gay diventano un target ideale delle pubblicità, un nuovissimo tipo di acquirenti modello da corteggiare a suon di spot

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
546 0
546 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Se è vero che la pubblicità è l’anima del commercio, è pure vero che rappresenta anche – specie nel caso degli spot televisivi – lo specchio della società in cui viviamo. Così abbiamo visto molti tabù, specie sessuali, infrangersi dal tempo del carosello fino ai giorni nostri in nome delle vendite di prodotti commerciali. E dopo molti anni in cui anche neri e ispanici sono apparsi in pubblicità una volta destinate ad un pubblico white-only, e ogni brava teenager si lancia col paracadute "anche in quei giorni lì", adesso anche la barriera dell’omosessualità sembra in procinto di crollare sul fronte pubblicitario. I gay sono già apparsi in alcuni memorabili spot (come dimenticarsi il simpatico commercial del ragazzo che si mangia una mentina per rinforzarsi i muscoli, senza accorgersi di trovarsi in un gay bar?), ma se prima il gay o la lesbica apparivano di sfuggita negli spot pubblicitari, ora il popolo omo diventa il vero "target" delle major economiche, che vedono in esso una fetta di mercato da conquistare e convincere all’acquisto.

E così, dopo che linee aeree come la American Airlines o la Quantas appaiono addirittura tra gli sponsor delle prossime olimpiadi gay di Sydney, ora industrie quali Volkswagen, Volvo e Jaguar – note per essere rigidamente conservatrici – si sono gettate a larghe mani nei media gay.

"Noi pensiamo sia un’opportunità, e il lavoro di un esperto di marketing è quello di far conoscere il nostro prodotto alla gente giusta", afferma Tony Fouladpour, portavoce della Volkswagen USA. "Il nostro è un marchio orientato verso la gente giovane e persone dalle idee giovanili, quindi la diversità è importante per la nostra casa e per pubblicizzare al meglio i nostri prodotti. Crediamo che la diversità sia una parte importante di ciò che rende uniche le generazioni più giovani".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...