MILLE EURO AL MESE

di

Troppo poco per pensare a un investimento? Oggi gli istituti offrono possibilità diversificate per ogni portafogli. Vediamo come gestire i pochi risparmi di un giovane lavoratore.

L’avvenimento principale che ha caratterizzato questa settimana ferragostana è stato l’atteso appuntamento con la Federal Riserve americana, dalla quale ci si aspettava un pronunciamento sulla attuale congiuntura economica ed un eventuale ritocco dei tassi.

Ebbene, la Fed li ha lasciati invariati modificando comunque il suo orientamento di politica monetaria volta a superare le difficoltà presenti.

Il governatore Greenspan ha evidenziato come il livello attuale dei tassi possa guadare l’economia americana attraverso il fiume di problemi che la sta minando alla base, e che in ogni modo la crescita produttiva non dovrebbe tardare di molto; i problemi maggiori casomai si potrebbero avere dalla perdurante fase critica dei mercati finanziari e dai problemi societari che stanno cominciando ad avere un impatto negativo sull’economia.

Nel prossimo incontro previsto per il 24 settembre ci si attendono ulteriori chiarimenti circa lo stato attuale delle cose, ed un aiuto reale che potrebbe concretizzarsi con un ritocco verso il basso del livello dei saggi.

Ma forse questo genererebbe panico tra gli operatori dando origine a dubbi maggiori sulla salute della locomotiva Usa.

In ogni modo è presto per poter fare commenti.

Ciò che è possibile raccontare è di un’altra settimana altalenante sulle piazze finanziarie che non ha visto tutto sommato grossi movimenti negativi.

Per il resto, anche gli operatori sembrano voler rimandare il tutto alla fine di questo agosto vacanziero.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO
PROFILI OMO – ^SMille euro al mese^s

Caratteristiche: Giovane di 24 anni, single; casa in affitto e macchina di proprietà; i genitori stanno ristrutturando per lui un piccolo appartamento ereditato da poco.

Reddito: 13000 €.

Capacità di risparmio: 100 € mensili.

Risparmi attuali: 28000 € (10000 € obbligazioni banca TV; 5000 € fondo azionario Italia; 5000 € f.do az. America; 5000 € f.do bilanciato internazionale; 3000 € Sicav tecnologico europeo; i fondi sono stati sottoscritto nell’aprile del 2000).

Necessità/Obiettivi: Accrescere il capitale nel lungo periodo.

Profilo di rischio: medio-alto.

Vista l’assenza dell’obiettivo prima casa, benché il soggetto non possa per il momento contare su un lavoro a tempo indeterminato e quindi su entrate stabili, l’atteggiamento consigliato dal punto di vista finanziario è comunque abbastanza aggressivo ed orientato verso i mercati azionari, che in questo momento appaiono decisamente scontati.

Anche se permangono dubbi sulla ripresa economica, il lungo orizzonte temporale dovrebbe garantire una certa stabilità e sicurezza sull’economia globale, ed i guadagni per i portafogli azionari potrebbero tornare ad essere molto allettanti.

Probabilmente questo è il momento più adatto per cominciare un Pac azionario (avendo cura di considerarne i tempi non brevissimi per poter ottenere un valido investimento), per non perdere il treno di un possibile, agognato rialzo delle principali borse mondiali.

Gli assets attuali non necessitano di alcuna modifica un po’ perché ottimamente diversificati, un po’ perché la parte "equities" è stata acquistata nel momento di massimo della bolla speculativa e quindi uscirne adesso significherebbe consolidare una grossa perdita.

Meglio casomai qualche acquisto mirato ad abbassare la media.

L’attesa in questo caso è comunque d’obbligo.

di Sirio Belli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...