NIPOTINO MIO, TI REGALO UN CONTO

di

Volete fare un regalo al figlio dei vostri amici, di vostra sorella o... a vostro figlio? Banche e Poste propongono prodotti appositi studiati per accumular ei primi risparmi.

E alla fine il tanto atteso rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve è arrivato.
Nella riunione di mercoledì infatti è stato deciso di aumentare di un quarto di punto il costo del denaro, portandolo all’1,25%.
Questa mossa era gia da tempo nell’aria, e la corsa imponente dell’economia americana non faceva altro che rafforzare le previsioni.
Adesso resta da vedere se via sarà un ritmo moderato di crescita, come lascia intravedere il governatore Greenspan, oppure se le pressioni inflazionistiche imprimeranno una accelerazione più consistente.
Certo è che ormai l’inversione di tendenza nella politica monetaria si è avviata.
Anche l’Europa prima o poi sarà destinata ad operare manovre simili, e per paesi come l’Italia che non hanno saputo approfittare di questo periodo di tassi ai livelli minimi, potrebbero essere dolori.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO
RISPARMIATORI IN FASCE…
Un argomento questa volta dedicato ai papà (comunque numerosi nella nostra comunità) ed agli zii desiderosi di fare un regalo diverso dal solito ai figli o ai nipotini.
Molti infatti ci chiedono spesso un modo semplice per poter regalare i primi soldi ai novelli risparmiatori “in fasce”, senza dover sottoscrivere prodotti troppo elaborati.
Istituti di credito e Poste offrono un’ampia gamma di strumenti in questo campo, ma per chi non ha voglia di cercar troppo ed almeno per i primi anni desidera un mezzo tradizionale, il nostro suggerimento è di aprire un piccolo libretto postale.
E’ innanzitutto possibile intestarlo al minore, ed il contratto è sottoscritto congiuntamente dai genitori o comunque dal genitore esercente esclusivo della potestà.
I libretti sono articolati secondo tre fasce d’età:
A) dalla nascita fino al compimento dei 12 anni;
B) dal giorno successivo al compimento dei 12 anni fino al compimento dei 14;
C) dal giorno successivo al compimento dei 14 anni fino al compimento dei 18.
Le operazioni sui libretti di fascia A possono essere effettuate solo dai genitori (o dal singolo genitore) esercenti la potestà, mentre per le altre due fasce al momento dell’apertura del libretto i genitori autorizzano in via preventiva il minore ad effettuare le operazioni di deposito o prelievo, entro i limiti giornalieri e mensili previsti (i limiti di prelievo per la fascia B sono 25 € al giorno e 200 € mensili, e per la C sono 40 € giornalieri e 400 € mensili).
Ai genitori spetta il diritto di effettuare depositi e/o prelievi senza limiti, la facoltà di ritirare in ogni momento l’autorizzazione per il minore, nonché la possibilità di estinguere il libretto in ogni momento.
Da ricordare che al compimento dell’età per cui si ha diritto a passare alla fascia superiore, questo avviene automaticamente, e che al compimento del diciottesimo anno il titolare del libretto potrà rimanere tale per un nuovo libretto ordinario.
Infine, il tasso è attualmente l’1,75% lordo (la ritenuta fiscale è il 27%).
Per chi vuole cominciare a metter via i primi risparmi per il figlio o il nipote è un passo semplice e poco oneroso, ma se aspiriamo a rendimenti maggiori indubbiamente prima o poi dovremo rivolgerci alle banche per strumenti più specializzati ed innovativi.

di Sirio Belli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...