NOKIA PUNTA SUL LOW COST

di

Il numero uno al mondo nella produzione di cellulari annuncia di voler abbattere i costi e conquistare una nuova fetta di mercato con il nuovo 6610i.

Pressata dai piccoli azionisti infuriati per gli ultimi risultati e nel mirino degli analisti per la lentezza con cui ha risposto alle ultime sfide del mercato, Nokia sceglie la strada del “low cost” per continuare a dettare legge tra i produttori di telefoni cellulari.

Il primo produttore mondiale di cellulari, a pochi giorni dai dati ufficiali che mostrano un primo trimestre con vendite in calo del 2% e un secondo che non promette nulla di speciale, è infatti subito corsa ai ripari, annunciando che a breve lancerà sul mercato la versione più economica di un telefonino destinato alla clientela business. Si tratta del 6610i, che dispone di una fotocamera incorporata e consente la navigazione su Internet e la gestione delle e-mail, che sarà venduto a circa 250 euro.

Il suo diretto predecessore, il 6610, non ha la fotocamera e nel 2002 venne lanciato sul mercato a un prezzo doppio, circa 500 euro. La strategia di Nokia è dunque quella di concentrarsi sul prezzo del prodotto e su una rinnovata filosofia di marketing, per tarpare le ali ai concorrenti che si sono fatti sempre più aggressivi proprio nel segmento in cui la casa di Espoo da tempo non teme confronti, vale a dire quello dei telefoni cellulari. Nonostante l’ultima performance non brillante Nokia nel primo trimestre ha comunque mantenuto una quota di mercato del 35%, che intende portare, ha assicurato il numero uno Jorma Ollila, al 40% entro la fine dell’anno: un obiettivo che però, stando alle prestazioni dei diretti concorrenti, non sarà facilissimo. In attesa di Motorola e di Siemens, cattive notizie per Nokia sono arrivate da Samsung e da Sony Ericsson. La società sudcoreana ha messo a segno un utile boom con vendite in rialzo del 50% e la joint venture nippo-svedese ha archiviato un trimestre in positivo dopo molti esercizi in perdita: entrambe hanno potuto contare proprio sul successo dei telefonini con fotocamera incorporata, che Nokia si appresta adesso a rilanciare a prezzo ribassato. Ma non è tutto. Fedele alla promessa fatta due settimane fa, all’epoca del nefasto annuncio sul previsto calo delle vendite che costò un capitombolo in Borsa a tutti i titoli telefonici, Nokia accelera sul fronte dei prodotti.

Di oggi è infatti anche l’annuncio che l’inglese 3 (la società controllata da Hutchison attiva nell’Umts) comincerà la commercializzazione del Nokia 7600 nei suoi 3.200 negozi sparsi nel Regno Unito. Finora 3 aveva ignorato i cellulari del colosso finlandese, perchè incapaci di effettuare video-chiamate, su cui la società Umts punta massicciamente per sfondare sul mercato. Sebbene il 7600 non abbia questa capacità, Nokia ha assicurato che i cellulari che ha ancora nel cassetto saranno in grado di sostenere anche la telefonata “person-to-person”.

Visitate Cellulari.it

di Cellulari.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...