Pokémon Go: la realtà aumentata è più gay di quanto ci aspettassimo

di

Pokémon Go prende una svolta ironica: la prima app dal successo planetario a sfruttare la realtà aumentata sembra essere il nuovo Grindr.

CONDIVIDI
22 Condivisioni Facebook 22 Twitter Google WhatsApp
9311 0

Sabato 16 luglio verrà rilasciato anche in Italia Pokémon Go, il gioco di Nintendo che utilizza la realtà aumentata per trasformare il mondo reale in un luogo verosimile dove cacciare Pokémon con la cam dello Smartphone.
Se non vivete su Marte, ne avrete sicuramente sentito parlare, avendo il gioco scatenato una frenesia mondiale mai vissuta prima nell’universo videoludico.
Nonostante la release futura poi, in molti si sono registrati agli app store neozelandesi, australiani o americani dove è già disponibile per poterci già giocare.
Le reazioni sono state potenti e vanno dalle similitudini che qualcuno ha visto con la psicogeografia, metodo analitico del mondo teorizzato negli anni 50 dall’internazionale lettrista prima e situazionista poi, alle visioni apocalittiche che accompagnano l’avvento di qualunque innovazione tecnologica, agli infiniti meme.

Pokemon_2

***

Pokemon_3

***

Pokemon

***

Ad oggi le svolte più divertenti sono state prese dalle Pokemon dickpic:

http://stalling.tumblr.com/post/147096412689/so-i-wake-up-and-find-my-very-first-pokemon

E da una nuova teoria che sta scalando i topic su Twitter secondo cui Pokémon Go funzionerebbe meglio di Grindr per conoscere qualcuno, quantomeno si è certi di avere interessi in comune.

Leggi   Grindr, dati privati degli utenti inviati ad altre compagnie
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...