PROFILI OMO

di

Identikit dell'omo-investitore: lo studente gay

939 0

Sebbene le principali borse abbiano dato segnali di risveglio, anche in questa settimana l’attenzione del mondo finanziario è stata catalizzata dalle vicende della guerra in Afghanistan, che hanno visto una decisa ed inesorabile avanzata dell’Armata del Nord ed il sempre più coinvolgente impegno delle potenze occidentali tra cui anche l’Italia.

E che gli animi della gente fossero sempre intimoriti dalla dura battaglia contro il terrorismo lo si è percepito dopo l’incidente che ha visto un aereo dell’American Airlines schiantarsi contro un quartiere di New York.

In quel frangente le piazze finanziarie sono state percorse da un nuovo brivido che le ha fatte barcollare, sentimento peraltro svanito in poco tempo via via che le notizie sulle cause accidentali della sciagura si facevano sempre più certe.

In ogni modo, grazie alla volontà di recupero ed a previsioni in miglioramento per il futuro, l’intonazione dei mercati azionari è stata prevalentemente positiva, eccezion fatta per alcuni settori come quello petrolifero dato che il prezzo del greggio è sceso ai minimi degli ultimi due anni.

E chissà che non sia proprio questa una condizione decisiva per far partire nuovamente i motori economici delle economie globali ormai in panne da lungo tempo.

Le analisi e le previsioni come sappiamo si scontrano tra chi vede nero e chi riesce a cogliere spiragli di luce, ma forse è effettivamente giunto il momento in cui la nebbia può cominciare a diradarsi.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO

PROFILI OMO – ^SSTUDENTI GAY^s

Analizzeremo da qui in seguito ed in più occasioni, alcuni profili ricorrenti tra noi omosessuali per valutarne le caratteristiche finanziarie al fine di fornire consigli utili per gli investimenti di coloro che si riconoscono in tali tipologie.

Una figura molto comune in gayland è quella del giovane studente che abita fuori dalle mura domestiche, indipendente, autosufficiente, e che per sostenere le proprie necessità non esita ad affrontare piccoli lavori o addirittura un vero e proprio impiego in aggiunta allo studio.

In genere sono persone che ricevono aiuti dalle famiglie ma che non dispongono di grosse cifre da investire e la cui capacità di risparmio è limitata proprio perché le entrate servono per il sostentamento ed i pochi vizi.

Hanno da coniugare l’affitto di una stanza o di una casa in comune con le spese quotidiane, i viaggi per visitare la lontana famiglia, qualche ingresso in sauna o discoteca, e magari ogni tanto un capo fashion per il proprio look trendy.

Beh, nonostante non abbiano nulla da "tirar via", anche per loro è possibile costruire una base di risparmio compatibilmente con le ristrette disponibilità.

Ed il loro portafoglio non potrà avere una componente rischio troppo elevata proprio per far fronte ad eventuali esigenze.

Per esempio, i fondi monetari o comunque che investono in titoli liquidi sono senza dubbio la cosa migliore per metter via anche poche somme remunerandole in modo da coprire almeno l’inflazione e rendendole disponibili in ogni momento, visto che quasi tutti i fondi di questa categoria non presentano vincoli o spese né di ingresso né di uscita.

Un po’ più azzardati ma comunque abbastanza tranquilli sono i PAC su fondi azionari che come sappiamo consentono attraverso piccoli versamenti di acquistare quote di fondi in varie rate sfruttando gli alti e bassi dei mercati; indicati per coloro che ambiscono a rendimenti più alti o a maggio rischio senza dover impiegare grosse cifre.

Infine, con un occhio al lungo termine, le polizze vita come piano d’accumulo sono un sicuro nonché redditizio appiglio contro le tempeste finanziarie, e consentono anche versamenti periodici che ben si adattano alla propensione al risparmio non sempre sullo stesso livello.

Oggigiorno, come vediamo, le misure degli investimenti ben si adattano a tutte le taglie: occorre solo un po’ di buona volontà per cominciare, mie care.

di Sirio Belli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...