PROFILI OMO 7

di

Identikit dell'omo-investitore: Impiegato, 35enne, casa di proprietà con mutuo di 6000 € annui, stipendio 1500 €; convive con il partner. Consigli e accorgimenti per la gestione dei risparmi.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


L’inizio della settimana finanziaria è stato nuovamente all’insegna della negatività, ed i dubbi sulla forza dell’economia americana hanno fornito elementi per le copiose vendite che si sono avute sui listini.

In particolar modo i tecnologici hanno vissuto momenti drammatici nei primi giorni, salvo poi migliorare decisamente sul finire grazie anche ad importanti titoli americani come Dell (la cui quotazione è giudicata al di sotto delle potenzialità), che hanno impresso un salutare cambio di direzione all’intero mercato.

Importante poi è arrivato il dato sulla produttività Usa che si è rivelato il più alto da vent’anni a questa parte e che ha contribuito non poco a generare una piccola ventata d’ottimismo.

La Fed invece nella riunione di martedì ha di nuovo evidenziato le proprie incertezze sulla tenuta della domanda, mantenendo inalterata la propria politica monetaria (neutrale) e confermando i tassi all’1,75%.

A Piazza Affari in spolvero i telefonici, i media, qualche tecnologico, mentre continua il difficile momento dei bancari alle prese con fusioni, crisi argentina, pericolo sui crediti e rallentamento del risparmio gestito.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO

PROFILI OMO – ^SLo stipendiato^s

Caratteristiche: Impiegato in assicurazione, 35enne, casa di proprietà con mutuo ventennale di circa 6000€ annui, stipendio 1500 €; attualmente convive con il partner con il quale divide soltanto le spese domestiche

Risparmi attuali: 18000€ in obbligazioni 3 anni t.v.

Capacità di risparmio: 500€ mensili

Necessità: Compatibilmente al pagamento del mutuo, accrescere il patrimonio per il futuro e nel giro di 5/6 anni acquistare una nuova autovettura (utilitaria).

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...