REGALI DALLE BANCHE

di

Vi siete mai informati se in abbinamento al vostro conto corrente la banca offra servizi "extrabancari" che magari potrebbero addolcire in parte il boccone amaro dei costi di...

535 0

Finale di settimana abbastanza debole per le principali borse, che oltre alla perdurante tensione internazionale ed al prezzo del petrolio sempre sostenuto, hanno subito l’incertezza di Wall Street a seguito degli ultimi dati congiunturali Usa.
Questi ultimi hanno mostrato un rallentamento dell’economia a stelle e strisce, pur non facendo ben capire se si tratta di una inversione del trend oppure di una piccola presa di fiato prima della ripartenza.
In particolare l’indice Fed di Filadelfia a maggio è sceso a 23,8 punti rispetto ai 32,5 di aprile, i sussidi alla disoccupazione sono aumentati di 12000 unità, ed il superindice di aprile è salito meno delle previsioni (0,1 contro 0,2 delle attese).
In America il settore trainante appare sempre quello tecnologico, mentre nel Vecchio Continente lo stesso sembra più sofferente, con assicurativi e finanziari a sottoperformare gli indici.

LA LENTE DI INGRANDIMENTO
Nonostante abbiate fatto appena ritoccare le condizioni del conto corrente la vostra insoddisfazione perdura?
Siete clienti da tanti anni e vi aspettate qualcosa in più dal vostro istituto?
Un suggerimento.
Vi siete mai informati se in abbinamento al vostro conto corrente la banca offra servizi “extrabancari” che magari potrebbero addolcire in parte il boccone amaro dei costi di gestione?
Eh si, perché in questi ultimi anni la quasi totalità degli istituti di credito (proprio per una maggiore soddisfazione della clientela ed una conseguente fidelizzazione) offre in parallelo a determinati conti correnti (a pacchetto oppure convenzionati) innumerevoli agevolazioni con aziende pubbliche e private.
Così facendo consentono ai titolari di questi conti di poter usufruire ad esempio di sconti per l’acquisto di prodotti, di soggiorni in catene alberghiere o in villaggi vacanze, di riduzioni sulle tariffe del noleggio di autovetture, di ingressi ridotti nei musei, di poter accedere a prezzi convenienti in strutture sanitarie o di benessere convenzionate, e così via..
Nella stragrande maggioranza dei casi i conti che presentano questi benefit sono “a pacchetto” (ovvero il cliente paga un canone mensile che oltre ad includere le spese bancarie tradizionali comprende una serie di optionals o regalie che possono rappresentare una buona opportunità) e guardandoli nel complesso delle offerte possono rendere meno pesante ai nostri occhi il loro costo.
Chi decide di optare per un conto come questo e desideri fare una corretta valutazione della convenienza, non dovrà più considerarlo solo “bancariamente” parlando, ma a 360° nella vita di tutti i giorni con le agevolazioni, i regali o le convenzioni che esso incorpora.
Visto l’attuale livello dei tassi questi servizi possono ottimamente compensare la mancanza di remunerazione dei conti, ed essere una leva sempre più importante anche nella scelta tra i vari istituti.

di Sirio Belli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...