Sullo smartphone l’app per i pazienti HIV+

di

La prima applicazione made in Italy è stata lanciata da "Nps Italia onlus" alla vigilia della Giornata mondiale contro l'Aids ed è disponibile per tutti gli smartphone in...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
791 0

È made in Italy la prima app dedicata ai pazienti sieropositivi. A presentarla, in occasione della giornata mondiale contro l’Aids del 1° dicembre, NPS Italia Onlus, l’associazione che da anni si occupa di problematiche legate al mondo delle persone sieropositive. Si tratta di H-Bookmark, è totalmente gratuita, ed è dedicata ai pazienti HIV. Il software è sviluppato per piattaforma Android, Iphone, RIM (Blackberry OS), Symbian, ed è disponibile in lingua italiana e inglese. Il progetto è stato realizzato con il contributo incondizionato di Abbott, un’azienda globale impegnata nello sviluppo di nuovi farmaci e nell’introduzione di tecnologie all’avanguardia nel settore della salute.

Con questa innovativa applicazione, fanno sapere da NPS Italia Onlus, si intende usare le nuove tecnologie per semplificare la vita nella gestione quotidiana dei pazienti HIV in Italia e nel mondo, che stando agli ultimi dati sono oltre 34 milioni di cui sono stimate da 143mila a 165mila persone HIV positive in Italia.

Il logo dell’applicazione è verde per mantenere un colore "discreto" e dispone di funzionalità quali: l’agenda-terapia, l’agenda-esami e l’agenda-diario; un sistema di allarme all’ora prestabilita per l’assunzione del farmaco indicando tipologia e dose; l’allerta per il paziente in prossimità dell’esaurimento del farmaco, invitandolo a rifornirsi, oltre che avvisarlo al termine della terapia; l struttura dove recarsi per gli esami; la lista farmaci antiretrovirali con caratteristiche, composizioni e principi e infine un database con informazioni sulle restrizioni presenti nei vari stati per chi viaggia. Non da ultimo la funzione "Help Me!": una geolocalizzazione GPS o attraverso cella telefonica con invio posizione e coordinate via sms a parenti o amici, in caso di necessità.

Leggi   Karl Schmid, inviato della ABC fa coming out: 'sono sieropositivo, basta tabù: non abbiate paura'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...