Settimana della moda di NYC: ecco l”uomo made in USA

di

New York come Milano e Parigi? DKNY, CK, Tommy Hilfiger, Ralph Lauren. I grandi della moda americana sembrano esserci tutti. Ed ecco cosa propongono per l'autunno/inverno 2008/09

1028 0

^f1E anche New York ha detto la sua in fatto di moda. Si è conclusa pochi giorni fa la New York Fashion Week, ovvero la settimana della moda american version. Un tentativo di portare la moda mondiale, quella che conta, negli USA anche se la presenza più consistente è quella dei marchi americani. Tra i bianchi tendoni allestiti per l’occasione in Central Park, gli show room sulla Fifth Avenue e gli insoliti paesaggi urbani offerti alla moda, da questa eccezionale metropoli sono partite le anticipazione della collezione autunno/inverno 08/09. L’America dunque ci riprova, come ogni anno, a far convergere la moda a sé cercando di acquistare prestigio internazionale sottraendone magari all’Europa, forte di una tradizione italo-francese che non ha eguali e che detta le regole dello stile mondiale. Negli spazi prestati dalla città a questo evento stilisti e collezioni si sono susseguiti a ritmi serrati. Dal 5 al 12 Febbraio hanno dunque sfilato molti marchi, soprattutto ^f3statunitensi, tra i quali Calvin Klein, Ralph Lauren, Donna Karan, Tommy Hilfiger e Vera Wang. In scena molti volti nuovi della moda a cui la NewYork Fashion Week ha concesso spazi importanti. Ma anche Lacoste, Custo Barcelone, Y-3, Diesel, Malo, Miss Sixty a testimonianza della presenza Europea e dell’importanza del mercato americano nei fatturati dei grandi marchi. Soprattutto moda femminile che anticipava le collezioni autunnoinverno 08/09 di Milano, Londra e Parigi ma anche una presenza di moda maschile. E proprio dell’uomo newyorkese ci vogliamo occupare in dettaglio.

L’uomo Lacoste cammina tra la neve metropolitana avvolto in ampie sciarpe e comodi guanti di lana. La quasi monocromia tocca tutte le gradazioni del grigio, con qualche spunto colorato, ma pur sempre dal tono freddo ed invernale. Maglioni a collo alto e giacche di lana, cardigan e maglia legata sulle spalle. L’uomo delle nevi chic è Lacoste.

Dalla neve di Lacoste al ghiaccio di Y-3, ^rf2linea disegnata dal giapponese Yamamoto che sceglie di presentare la collezione all’interno di un deposito merci sulla banchina del fiume Hudson. Trame a quadri colorati si alternano a tessuti moderni, plastificati. Sciarpe abbondanti portate attorno al collo e lasciate cadere sulle giacche sportive di colore blu, rosso e verde. Un uomo snob che non rinuncia alla comodità.

Per Custo Barcelona l’uomo risplende dentro completi di velluto lucido pronti a riflettere qualsiasi tipo di luce. Le camicie ed i pantaloni anni 60, con trame a rombi, righe e quadretti, si portano sotto giacchine di vernice dai colori accesi e psichedelici.

Donna Karan rimane sulla tradizione che vede l’eleganza dell’uomo in una cravatta nera portata con o senza maglione, sopra o sotto la giacca. Colori freddi ma tipicamente invernali. Grigio per pantaloni e giacche, bianco per le camicie portate con disinvoltura. Accessorio indispensabile la sciarpa, portata in stile salvagente sopra qualsiasi capo.

Rock & Republic mette in scena l’eleganza della seduzione. Abiti di raso lucido aderenti e sagomati. Tutto rigorosamente nero. Cappello in testa e sguardo magnetico. La seduzione è un arma da sfoggiare anche nello stile per Rock & Republic.

Ermenegildo Zegna porta tra i grattacieli newyorkesi tutta la creatività di casa nostra. Tanto design e ironia in queste creazioni dalle linee ricercate. Le giacche si rifanno ai modelli russi nei loro tagli geometrici. C’è voglia d’arte in questa collezione. Cappeli e borse, ma anche cinture e abbondanti pellicce. L’uomo disegnato da Zegna è amante del lusso e della qualità. E’ amante del Made in Italy.

Leggi   Trump è pronto a perdonare Joe Arpaio, lo sceriffo che odia gay e immigrati

^rf4Nel complesso le sfilate newyorkesi hanno mostrato grande attenzione dei nostri nomi più celebri della moda nei confronti del mercato USA ottenendo un discreto successo di critica e compratori. Messaggio importante che indica come in periodi di economie instabili il lusso di vivere con stile non conosca ostacoli. Prossimi appuntamenti Londra, Milano, Parigi.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...