ALEX BRITTI: "CHATTO IN INCOGNITO"

di

Intervista esclusiva a Gay.it: "Su Internet cambio identità, a Sanremo parlo d'amore, la canzone è un messaggio diretto a una persona vera…"

7695 0

"Sono contento" è una canzone molto difficile nei vocalizzi. L’hai portata a Sanremo, non avevi paura che la strizza ti giocasse un brutto tiro?

"Sì è difficile, ma a me piaceva troppo, la volevo cantare a tutti i costi. Poi la strizza c’era, ma l’ho cantata bene lo stesso, quindi…".

Parla di un vecchio amore.

"Sì, una persona con cui c’è stato qualcosa, che poi è finito, ma che mi piacerebbe riprendere. Un messaggio diretto".

Dimmi del PalaVasca tour.

"Dunque, è una tenda tutta gialla, che montiamo di volta in volta nelle città.

Ero insoddisfatto dell’acustica dei palasport, così mi sono creato una struttura tutta mia. Compresi i musicisti. Niente turnisti, solo la mia band. Del resto nei dischi suono tutto da solo".

Davvero?

"Sì, perchè mi guardi così? Suono tutti gli strumenti. Non lo fanno in molti, ma io sì. Ultimamente ho smesso di suonare la chitarra elettrica, perchè ti pone troppe limitazioni: amplificatore, cavi. Con la chitarra acustica suoni dove vuoi e suona sempre nello stesso modo. Qui a Sanremo, quando mi va, mi alzo, vado sulla spiaggia e suono. Sensazione bellissima".

Quando ti paragonano a Rino Gaetano, perchè canti cose importanti con stile leggero, che pensi?

"Mi fa piacere. Anche troppo. Mi piace la sua ironia. Io ho sempre descritto cose importanti, magari mettendoci una cazzata in mezzo. Quando cantavo "…poi finalmente faremo l’amore/ forse una volta o per tutta la vita/ speriamo prima che l’estate sia finita" tentavo di sdrammatizzare, perchè descrivevo la sensazione di uno che inizia una storia d’amore e ha paura della "sola".

Hai paura di credere in qualcosa che può rivelarsi un fuoco di paglia".

E in "Però mi piaci"?

"Quello è un dramma! Pensa al poveraccio che sta con ‘sta rompicoglioni e non riesce a cavarci le gambe. Il video con Verdone era efficace."

Il video di "Sono contento" come sarà?

"Una partita di calcetto fra squadre miste. Con la sorpresa finale. Ovviamente non te la dico".

Ti piace il calcio?

"Mi piace giocare a calcetto. Tiro bene in porta, "sconocco". Come tifoso sarei della Roma, ma non mi chiedere come è andata l’ultima partita, perchè non sto dietro al campionato. Sono sfegatato solo per l’Italia. Gli europei li ho visti tutti con gli amici. Pizza, birra, ma senza rutto libero."

Una volta hai detto che ti piace chattare.

"Come no, sul mio sito. Ci vado in incognito e mi spaccio per donna, bambino, vecchio, come mi va. Tanto quando dico chi sono nessuno mi crede. Poi se c’è qualcuno che rompe faccio anche il moderatore".

PALAVASCA TOUR

9.10 marzo Milano

13 marzo Padova

16 marzo Ancona

19 marzo Firenze

23 marzo Torino

27 marzo Bologna

30 marzo Napoli

3 aprile Bari

6 aprile Cosenza

11 aprile Messina

Tutti coloro che acquisteranno il singolo "Sono contento" entro il 4 aprile 2001 potranno utilizzare il voucher inserito nella copertina per accedere gratuitamente ad una delle date del PalaVasca.

di Paola Faggioli

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...