BARBRA: MUSICA, CINEMA E GAY

di

La Streisand torna con un nuovo cd dedicato al rapporto col grande schermo. E per la dedizione al movimento per i diritti dei gay, riceverà l'Human Rights Campaign...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Con una carriera che entra nel quinto decennio, Barbra Streisand ormai appartiene alla leggenda. Ha vinto veramente tutto il possibile, Oscar, Tony, Emmy, Grammy, Golden Globe, Cable Ace e Peabody Awards. E’ la cantante
donna che ha venduto più dischi nella storia della musica, sin dal 1963 con il disco d’esordio “The Barbra Streisand Album”, e l’unica ad avere avuto un Numero Uno nelle classifiche degli album in ognuna delle quattro decadi passate. Con le vendite dei suoi dischi ha raggiunto record incredibili: fino ad oggi 48 dei suoi album e 8 dei suoi singoli sono stati dischi d’oro in America, 28 album e 5 singoli sono stati dischi di platino, 13 dei suoi album hanno avuto vendite da multi-platino. Ha avuto anche 5 riconoscimenti d’oro, 1 di platino e 2 di multi-platino per i suoi video. Sappiamo benissimo quanto sia amata dal pubblico gay, ma Barbra Streisand non è rimasta sul piedistallo dell’icona internazionale, ha combattuto, e tuttora combatte a fianco di alcune associazioni per il riconoscimento dei diritti degli omosessuali. Proprio per questo motivo riceverà da un’importante associazione a Los Angeles un riconoscimento speciale – Human Rights Campaign Award – per essersi battuta a favore dei diritti dei gay, delle lesbiche, della libertà di religione e contro le discriminazioni razziali. “La comunità gay e lesbica e la nazione sono state arricchite da Ms. Streisand – ha detto Elizabeth Birch, direttore esecutivo dell’associazione – La sua passione e dedizione sono importanti per tutti gli americani”.Nel 1992 la Streisand ha preso ferme posizioni schierandosi contro una legge anti-gay proposta in Colorado ed è, inoltre, una regolare sostenitrice economica dell’Human Rights Campaign e di altre associazioni gay e lesbiche.

Recentemente è tornata in sala d’incisione ed arriva nei negozi il suo sessantesimo album, disponibile dal 27 ottobre. Per questo lavoro l’artista volge ancora una volta lo sguardo, e presta la sua fantastica voce, alla settima arte. Un album interamente dedicato al cinema, quasi a voler omaggiare il mezzo che, insieme alla musica, ha fatto di lei una stella intramontabile. “The Movie Album”, questo è il titolo del disco, pubblicato in tutto il mondo dalla Columbia-Sony Music, contiene brani tratti dalle colonne sonore di alcuni tra i film più significativi della storia del cinema, dal 1935 al 1988. È stata la stessa Streisand a curare personalmente la scelta dei brani, alcuni dei quali ha anche co-prodotto, tre con Robbie Buchanan ed uno con il famoso compositore/arrangiatore Johnny Mandel. Tutto il disco è stato suonato in grande stile da una band e da un’orchestra di ben 75 elementi. Ogni singola canzone è accompagnata da un singolare commento della Streisand e l’intero lavoro è dedicato alla memoria di un grandissimo attore: “al mio amico, Gregory Peck, leggenda dello schermo che, nella vita reale, possedeva tutta l’umanità e la dignità che ha messo in mostra nei suoi ruoli più importanti”. Il cd uscirà anche in veste de luxe, in tiratura limitata, con i video di Barbra che canta “I’m In The Mood For Love” e “Wild Is The Wind”, oltre ad un esclusivo commento audio dell’artista.
The Movie Album
1. Smile (from Modern Times – 1936)
2. Moon River (from Breakfast At Tiffany’s ? 1961)
3. I’m In The Mood For Love (from Every Night At Eight – 1935)
4. Wild Is The Wind (from Wild Is The Wind – 1957)
5. Emily (from The Americanization Of Emily – 1964)
6. More In Love With You (from The 4 Horsemen Of The Apocalypse – 1962)
7. How Do You Keep The Music Playing? (from Best Friends – 1982)
8. But Beautiful (from Road To Rio – 1947)
9. Calling You (from Bagdad Café – 1988)
10. The Second Time Around (from High Time – 1960)
11. Goodbye For Now (from Reds – 1981)
12. You’re Gonna Hear From Me (from Inside Daisy Clover – 1965)

di Francesco Belais

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...