BISESSUALE E BATTAGLIERA

di

Gianna Nannini si confessa, in esclusiva a Gay.it. E dice: "Sono bisex. L'amore con una donna o un uomo è un incontro tra libertà". Il nuovo disco, il...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
3249 0
3249 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO – «Sono bisessuale, battagliera: contro guerre e sessismi. L’amore per una donna o un uomo è l’incontro tra libertà. Invito ad abbandonare ogni paura». Battagliera lo è davvero Gianna Nannini: senese, gemelli, di professione rockstar. Si è impegnata con Greenpeace e dato sostegno anche ad Amnesty International. La personalità è forte e marcata: a volte eccentrica. Il rock fa parte del suo DNA. Una vera leonessa capace di graffiare con i ritmi rock ‘n’ roll nella foresta delle mille identità. Con lei, in un incontro a Milano parliamo del suo ultimo "Aria"; dei suoi percorsi musicali ed umani ed ovviamente, di scelte sessuali.

Gianna: parliamo dei tuoi esordi musicali.

Il mio strumento è sempre stato il pianoforte. A 18 anni mi sono trasferita a Milano, studiando al Conservatorio. Iniziando a cantare il rock ‘n’ roll mi sono accorta che non mi serviva e ho smesso.

Che musica ascoltavi?

I Jetthro Tull. Poi conobbi Janis Joplin. Fu la "mia" maestra di canto. Da lei imparai le tecniche della "black songs". A seguire Otis Redding.

Che ne è stato del rock di quegli anni e dei suoi rappresentanti italiani, quali Pfm, Banco, Area, Demetrio Stratos"

Demetrio è stato un maestro per molti di noi. A me ha insegnato tecniche vocali che uso ancora. Ero con gli Area ed altri al "Festival del Parco Lambro" (1976). Dovevo cantare ma mi fu proibito dopo il macello generale creatosi a causa di un furto di polli. Ci fu un’assemblea sul palco: io non cantai e i polli non furono ritrovati. La musica in quegli anni era caotica. Tutti si indirizzavano verso il rock progressivo, pieno di virtuosismi. A me questo non interessava. Mi piaceva il punk da dove si sono poi sviluppate più rivoluzioni musicali. Ero e resto una minimalista.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...