CALDO SOUND DAL POLO NORD

di

Biondi e cool: dalla Norvegia, i Röyksopp

1478 0

All’inizio non capisci se è il TG di una TV extraterrestre o una serenata dal paradiso delle 12 vergini (se preferite, dei 12 manzi)… Si chiamano Röyksopp, vengono da Tromsø, Norvegia: il disco è "Melody A.M." uno dei più affascinanti degli ultimi anni. E sweetie, è solo un album di debutto!

Cos’avete mai avuto in casa di norvegese? Un maglione, due aringhe e forse un disco degli A-Ha (nel caso, spero ve ne siate già liberati: ci sono tante pattumiere al mondo liete di adottarlo!).

Adesso arriva il disco ‘bbello ‘bbello, e vi faccio un collage di recensioni altrui così capite che l’entusiasmo non è solo mio.

Tanto per cominciare è uno dei dischi dell’anno di "The Face" (chissenefrega, direte voi) e "Muzik" (già meglio).

"Un disco affascinante che sembra chiamare lo stesso pubblico del trip-hop ma va ben oltre il raggiungere quell’obiettivo. Il duo Svein Berge/Torbjorn Brundtland fa musica pop in stile easy listening ma con grande forza: cool, stilosamente eseguita, concreta eppure evanescente.

Ricorda in alcuni momenti i Saint Etienne o compositori classici Peter Thomas e Burt Bacarach ripresi con piena padronanza".< www.othermusic.com (il miglior negozio di dischi al mondo, New York)

Ohhh… e che dire di "Eple" con quel videoclip per cinefili totali che trasforma le fotografie in un piano-sequenza senza fine? Vedetelo senza indugio sul sito ufficiale < www.royksopp.com

L’etichetta del CD è Wall of Sound, quella dei Propellerheads, e dal vivo suonano come spalla dei Basement Jaxx. Il loro concerto di Hackney, Londra verrà trasmesso come caramella di Capodanno da Radio One, BBC.

Il disco è una suggestiva miscela di jazz funk, ambient, soul sintetico, senza paragoni facili con gli stili esistenti. Una sauna di malinconia elettronica in versione soul, di grande capacità evocativa.

Tra le fonti d’ispirazione Erik Satie, Francis Lai (il Fausto Papetti francese, compositore di musica soft porn), l’elettronica analogica e calda anni ’70.

"Röyksopp fa musica con una sorprendente combinazione… adatta per il dopo disco, per stare a letto col tuo amore: evoca immagini di mostri da coccolare con ‘Where The Wild Things Are’ e ‘Poor Leno’ is sbiellata, straniantemente omoerotica disco music". Alex Needham, New Musical Express

E c’è una bellissima intervista in inglese su un sito italiano. Eccovi un estratto:

Cosa significa Röyksopp?

Difficile da tradurre, è un piccolo fungo le cui spore esplodono fanno una nuvoletta e permettono la germogliazione. Fanno sesso quando la gente le calpesta? Oppure l’altro significato è fungo atomico…

Dov’è Tromsø, la vostra città natale?

E’ un centro completamente isolato di 60.000 persone, su un’isola, sopra il Circolo Polare Artico. Dobbiamo guidare 5 ore per raggiungere il centro più vicino. E’ un ambiente che stimola ad essere innovativi perché posti per divertirsi e ispirarsi non ce n’è. Non puoi seguire le mode, devi crearle.

Influenze musicali?

Kraftwerk, Brian Eno, Giorgio Moroder, Art of Noise, persino Vangelis. Erik Satie e le melodie di Francis Lai…. Tutta la musica che provoca sentimento, una reazione emotiva.< www.ondarock.it

"Con Röyksopp possiamo aggiungere un nome alla lista dei musicisti che vengono dalla Norvegia. E in cima alla lista, per la miscela di ritmi soffusi, house sofisticata, evocazioni disco. "Eple" è carica di stimoli che cambiano ad ogni ascolto. "Poor Leno" conosce tutti i trabocchetti ritmici del pezzo classico da club e il maschio che fa la voce da donna". "A Higher Place" è l’invito a darsi un mossa da un paese abitato solo da un demente con la batteria elettronica e Vangelis.

"Melody A.M." è il compagno ideale per la pista da discoteca e per un pisolino sul divano. Very recommended. < www.wow.ie/music2/editorial/mrev2974.cfm

L’eccitazione è giustificata. Mai la comunità di chi ama la musica elettronica si è trovata così unita nell’acclamare consensualmente un album. http://www.bigchill.net

E’ un disco per chi lotta contro la diffusione della droga: ne senti gli effetti senza assumere alcuna sostanza! E’ il cubo di Rubik per le orecchie… c’è la soluzione o è più bello giocare?

E’ l’ultima profezia di Nostradamus: se facessimo meno la guerra e (mooolto di più) l’amore, il mondo per me suonerebbe cosi.

Röyksopp, Melody A.M., Wall Of Sound

Paolo Rumi senorrumi@yahoo.com

di Paolo Rumi

Leggi   Freddie Mercury: 26 anni fa la scomparsa del frontman dei Queen
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...