EMINEM "TU, FOTTUTO FROCIO"

di

La verità su quello che cantato a Sanremo: ecco i testi. Il rapper ha preso in giro tutti, e si conferma quel che è: violento e omofobo.

1291 0

Il video in versione Hi-Res (2,5 Mb)

Il video in versione Low-Res (1 Mb)

(Per visualizzare i video è necessario aver installato sul proprio computer MS Media Player)

Eminem è arrivato, si è esibito sul palco dell’Ariston e non ha esitato a vomitare tutto il suo odio contro i gay in mondovisione. Il rapper ha rovinato la festa a quella fetta dell’italico bel paese che conosce l’inglese e che ha avuto la disavventura di ascoltare i testi delle sue canzoni. Ma per la TV nazionale è tutto OK: una fonte ANSA ha dichiarato che "Eminem ha rispettato i patti, cantando solo quello che era stato concordato con i vertici RAI." .

Infatti il direttore di Raiuno, Maurizio Beretta, aveva affermato: "Qualsiasi testo dovra’ esserci consegnato prima dell’esibizione e sara’ comunque esaminato da noi e, in caso di qualsiasi dubbio, inviato al procuratore di Sanremo. La solerzia e la collaborazione dimostrata ieri dalla procura ci permettera’ eventualmente di verificare in tempi rapidi, prima della messa in onda, l’idoneita’ del brano. Il rapper si dovra’ attenere al teso consegnatoci". Allora, delle due, l’una: o i responsabili di Viale Mazzini non hanno trovato nemmeno un traduttore disponibile, scegliendo le canzoni a caso, o per loro è normale paragonare i gay ai necrofili. Di questo infatti parla la terza canzone interpretata da Marshall Mathers (vero nome di Eminem) con i D-12. Una rapida occhiata al testo ce lo conferma:

my bum is on your lips

my bum is on your lips

and if I’m lucky you might just give it a little kiss

and that’s the message we deliver to little kids

and expect them not to know what a woman’s clitoris is

of course they’re gonna know what intercourse is

by the time they hit fourth grade they got the discovery channel don’t they

we ain’t nothin but mammals

well, some of us cannibals

who cut other people open like cantaloupes

but if we can hump dead animals and antelopes

then there is no reason that a man and another man can’t elope

(Traduzione: Il mio culo è sulle tue labbra

Il mio culo è sulle tue labbra

E se sono fortunato potresti anche baciarlo

E questo è il messaggio che diamo ai bambini

E ci aspettiamo che non sappiano cos’è la clitoride di una donna

Certo che sanno cos’è un rapporto sessuale

Hanno discovery channel già dalla quarta elementare

Siamo solo mammiferi

Bah, alcuni di noi sono cannibali

Sventriamo le persone come animali

Ma se possiamo scopare animali morti e antilopi

Allora non c’è ragione per cui due uomini non possano stare insieme)

Ci si domanda, visto quanto sopra, perché abbiano impedito ai Sottotono di pronunciare la frase "figli di puttana" presente nel testo della loro canzone. Alla RAI la ritenevano troppo forte? E che dire allora della prima canzone "I’m back" in cui Eminem descrive addirittura pesantissime atrocità contro gli animali, violenza insensata contro esseri innocenti? Era triste vedere la conduttrice sorridente e il pubblico battere le mani a tempo delle sue oscene parole di odio, totalmente ignari del significato dei testi.

Cosa sarebbe successo se, come abitudine del programma del meticoloso Limiti, fossero passate in sovrimpressione le traduzioni? È solo di qualche giorno fa la polemica sorta a proposito di un gioco di parole degli Articolo 31 sulla legalizzazione della "Maria" che ha portato addirittura a interrogazioni parlamentari e alle scuse formali dei presentatori. Certe frasi saranno sfuggite agli spettatori italiani, ma non certo a quelli di lingua inglese, dato che il collegamento era in mondovisione. Durante le esibizioni di Eminem nel resto del mondo infatti, le parole di questa canzone vengono sempre censurate, ma non qui in Italia, dove nessuno parla una parola di inglese e non si preoccupa di domandare agli esperti, lasciando che Eminem canti tutto quello che vuole.

Da tempo si parla in Italia della omofobia del rapper bianco come una cosa assodata ma vaga, facendo un rimando frequente solo a una o due frasi estratte dalle sue canzoni. Ad un ascoltatore disattento potrebbe sembrare un incidente di percorso, un accenno casuale ad una sua lieve idiosincrasia. Non è così. L’avversione di Eminem per l’omosessualità è invece qualcosa di radicato e violento, a livelli tali da poter essere tranquillamente considerata una patologia. Difatti, benchè nelle canzoni rap gli atteggiamenti violenti e il gergo volgare siano la regola, gli incitamenti di Eminem alle rappresaglie – di qualsivoglia tipo – contro la comunità GLBT sono una costante dei suoi testi.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...