ETERO, GAY O ZERO?

di

Una lettera denuncia: censura sul sito ufficiale?

1465 0

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo volentieri una lettera di protesta da parte di un fan di Renato Zero che denuncia la censura che sarebbe avvenuta sul sito ufficiale, dopo il dibattito innescato dalla richiesta di intervista fatta da Gay.it a Zero. Un’intervista mai rilasciata.

Vorrei denunciare un piccolo fatto squallido avvenuto su Zenzero.it, sito ufficiale di Renato Zero.

Circa un mese fa in seguito alla richiesta di Gay.it di poter intervistare Zero (clicca qui per l’articolo) si aprì sul forum di Zenzero un dibattito in cui alcuni dicevano che Renato avrebbe dovuto rilasciare tale intervista e alcuni altri non vedevano il motivo per cui avrebbe dovuto farlo. Intervista che comunque non fu poi rilasciata.

Più recentemente un iscritto al suddetto forum, ignorando la bigottaggine che lì regna, ha esordito raccontando una "leggenda metropolitana" secondo la quale Renato avrebbe l’abitudine di rimorchiare ragazzi con la proposta di "divertirsi un po’", domandando se la tale cosa fosse successa a loro come avrebbero risposto. Le risposte sono state semplici inviti a cambiare argomento!

Il giorno stesso un povero Idiota avviava una nuova discussione con l’ allarmante "…caduta di un mito…" aveva saputo che "…Renato é un gay…". A questo povero imbecille che poi dichiarò che l’autore del messaggio non era lui ma un suo amico (???) fu risposto che le inclinazioni sessuali di Renato non interessavano a nessuno (soprattutto se l’inclinazione é gay, dico io!).

La cosa curiosa di tutta questa faccenda è che tutte queste discussioni dal forum sono sparite, cancellate. Ma non solo, dal forum é sparito anche un intervento della sottoscritta che domandava perché ogni qualvolta si accosti la parola gay al nome di Renato Zero scatti la censura? Forse Renato o i moderatori del forum (tra cui il fratellino Giampiero) ritengono che tale vicinanza di parole possano far sorgere inverosimili sospetti??? Tutto ciò mi pare abbastanza bizzarro, anche, e soprattutto in considerazione del fatto che negli anni dei suoi esordi Renato é stato appoggiato essenzialmente dal pubblico omosessuale, che comunque in parte ha poi perso, e non perché non ha mai fatto cadere il velo sulla sua presunta omosessualità, ma perché per i gay non ha mai fatto niente se non qualche bellissima vecchia canzone. Evidentemente ora preferisce le donne incinte le nonne i preti e le suore…

Se ne parla nel forum

Leggi   Freddie Mercury: 26 anni fa la scomparsa del frontman dei Queen
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...